Plastiche a contatto con gli alimenti: sesto emendamento al Reg. 10/2011

Plastiche a contatto con gli alimenti: sesto emendamento al Reg. 10/2011

Cosa cambia e quali sono le tappe di avvicinamento alla completa applicazione

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

01

Febbraio
2017

È entrato in vigore il 14 settembre 2016 il Regolamento (UE) 2016/1416, che modifica e rettifica il Regolamento (UE) n. 10/2011 riguardante i materiali e gli oggetti di materia plastica destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari. Si tratta del sesto emendamento alla norma ed è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale Europea il 25 agosto 2016.
Molte le novità inserite. In particolare:
- sono stati ridefiniti i limiti di migrazione di alluminio e di zinco, avendo due opinioni EFSA sottolineato l’opportunità di limitare il contributo dei MOCA all’esposizione totale da fonti alimentari, ai due elementi;
- è stato assegnato un simulante specifico per l’esecuzione di prove di migrazione per frutta e ortaggi freschi non pelati.

Cosa cambia nel dettaglio

Come suggerito da Federazione Gomma Plastica, fra le principali novità introdotte dall’emendamento vale la pena segnalare:
- la cancellazione della possibilità di poter esprimere i valori di migrazione in mg/dm2 per le chiusure (Art. 17 par. 3 lettera a), uniformando;
- l’inserimento nella liste positive di 14 sostanze;
- l’inserimento di un limite di migrazione specifica di 50 mg/kg (50 ppm) per la frazione oligomerica presente in talune sostanze inserite dal regolamento in lista positiva;
- l’inserimento di un limite di migrazione specifica di 1 mg/kg (1 ppm) per l’alluminio (Allegato II);
- l’abbassamento del valore di migrazione specifica per lo zinco da 25 mg/kg a 5 mg/kg (5 ppm) (Allegato II);
- la precisazioni sul tipo di simulante D (D1 o D2) per le sostanze elencate nella tabella I dell’annesso I;
- la ridefinizione delle famiglie di alimenti 04.01 (frutta intera, fresca e refrigerata, non pelata) e 04.04 (ortaggi interi, freschi e refrigerati, non pelati) con introduzione delle prove di migrazione e l’utilizzo del simulante E;
- l’aggiornamento del punto 5 della dichiarazione di conformità (in Allegato IV) con richiamo agli articoli di riferimento del Regolamento CE 1935/2004;
- la ridefinizione del capitolo 2.1.3 dell’allegato V e aggiornamento della tabella 2 dell’annesso V riportante le temperature di contatto per le prove di migrazione specifica.

Le date per la completa applicazione

Pienamente in vigore dallo scorso settembre, il Regolamento 1416/2016 sancisce che gli oggetti e i materiali in plastica conformi al Reg. 10/2011, ma non alle nuove disposizioni potranno essere immessi sul mercato fino al 14 settembre 2017 e rimanervi fino a esaurimento scorte.
Il 14 settembre 2018 invece entreranno definitivamente in vigore le disposizioni relative ai limiti di migrazione specifica di zinco e alluminio e ai nuovi simulanti per le categorie di frutta e vegetali non pelati freschi o refrigerati.


Condividi su: