Pesticidi: al via consultazione pubblica UE

Pesticidi: al via consultazione pubblica UE

In vista della nuova normativa per la diminuzione dell'uso nei campi, si possono inviare pareri fino al 7 agosto. Intanto l'Europol sequestra 1346 tonnellate di pesticidi illegali in 32 Paesi

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

05

Giugno
2020

La Commissione europea ha avviato la procedura che porterà alla proposta di modificare la direttiva sull'uso sostenibile dei pesticidi nei primi mesi del 2022. L'esecutivo UE ha aperto una consultazione pubblica sul tema, e i contributi potranno essere inviati fino al 7 agosto 2020. "Rivedere la direttiva - si legge in una nota della Commissione - ha l'obiettivo di rendere più efficace l'applicazione e incentivare l'adozione di altre soluzioni per la protezione delle colture, riducendo i rischi senza pregiudicare i livelli di produzione e aumentare i prezzi dei prodotti".

L'Italia è l'unica grande economia agricola dell'UE ad aver visto una riduzione delle vendite dei pesticidi dal 2011 al 2018. Oltre il 20% in meno, certifica Eurostat. Nello stesso periodo le vendite sono aumentate leggermente in Germania e del 39% in Francia. Un incremento notevole delle vendite si è registrato anche in Austria (+53%), che è lo stato UE con la maggior quota di superficie agricola a biologico. In quanto Paesi principali produttori agricoli dell'UE, con il 51% della superficie agricola e 49% di quella arabile nel continente, Germania, Spagna, Francia e Italia fanno registrare i volumi più alti venduti nella maggior parte dei gruppi principali e in totale. Ma l'Italia è l'unica delle quattro ad aver ridotto le vendite.

Europol ha intanto sequestrato 1346 tonnellate di pesticidi illegali nell'operazione Silver Axe che si è svolta tra gennaio e aprile e ha coinvolto 32 Paesi, tra cui l'Italia. Le autorità italiane hanno sequestrate 16,9 tonnellate di pesticidi contraffatti in un deposito della provincia di Viterbo, per un valore di 300mila euro.

Europol ha condotto le indagini con Olaf, Euipo e le autorità nazionali. L'operazione ha portato all'arresto di due persone e otto inchieste sono state aperte in Belgio, Francia, Germania, Polonia, Slovenia e Svizzera.

Uno studio dell'Ufficio UE per la proprietà intellettuale (EUIPO), stima che tra il 10% e il 14% del mercato europeo dei pesticidi sia interessato dal commercio illegale che frutta fino a 70 euro per ogni kg di prodotto contraffatto, il valore della merce sequestrata sarebbe dunque pari a 94 milioni di euro.
Alcuni gruppi criminali che trafficano pesticidi sono coinvolti in altre attività come il traffico di sigarette contraffatte e il commercio illegale di prodotti farmaceutici, sostiene Europol.
Il commercio di pesticidi illegali include anche l'importazione di sostanze vietate come il clorpirifos. Negli ultimi cinque anni l'operazione ha portato al sequestro in totale di 2.568 tonnellate di pesticidi.


Condividi su: