Le buste DimmidiSì sono biodegradabili e compostabili

Le buste DimmidiSì sono biodegradabili e compostabili

Il progetto di responsabilità sociale d'impresa dell'azienda di Manerbio parte con "Un sacco Green", la linea di insalate pronte al consumo con il pack che si smaltisce nell'umido di casa

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

15

Gennaio
2020

Un Sacco Green è la gamma di insalate fresche in busta proposte da DimmidiSì nella nuova confezione biodegradabile e compostabile. Il pack è caratterizzato da un sub-brand didascalico che focalizza l’attenzione sul progetto più che sulla referenza. Ha una grafica evocativa con i colori che rimandano al mondo della sostenibilità.
La nuova busta, grazie al materiale bioplastico biodegradabile e compostabile, ha un aspetto lattiginoso che spicca a scaffale. Questa differenziazione comunica al consumatore che la confezione va raccolta nell’umido di casa e poi nella raccolta organica: dopo il trattamento di smaltimento diventerà, infatti, compost, ovvero concime.

"Gli obiettivi che ci siamo impegnati a raggiungere nell’ambito della Responsabilità Sociale d’Impresa come una filiera agricola più virtuosa, una maggiore efficienza energetica e un più elevato risparmio idrico, il sostegno a
progetti sociali e packaging sempre più sostenibili - spiega Andrea Battagliola, Direttore Generale La Linea Verde - sono centrali nella scelta degli investimenti
che faremo d’ora in poi". Da oggi, infatti, La Linea Verde avvia un progetto di Responsabilità Sociale d’Impresa strutturato che mira a valorizzare e sistematizzare le azioni già intraprese dall’azienda in passato, quelle in corso e quelle future avendo come orizzonte gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile definiti dall’Agenda Globale 2030 dell’ONU.
Esempi di azioni già avviate in questo senso sono la scelta di imballi e confezioni riciclabili, di una filiera agricola virtuosa a produzione integrata (certificata sin dal 2002), l’ottimizzazione delle acque di lavaggio delle insalate e la refrigerazione ad alta efficienza energetica in stabilimento.


Condividi su: