Italiani, riciclatori di imballaggi

Italiani, riciclatori di imballaggi

Di anno in anno aumentano le quantità di packaging che entrano nell'economia circolare. CONAI: lo scorso anno riciclato 1 milione e 54mila tonnellate di plastica

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

30

Giugno
2020

Il nostro Paese è all'avanguardia nel settore del riciclo degli imballaggi: dalla plastica all'alluminio al vetro, i dati indicano che i risultati raggiunti sono di ottimo livello. Complessivamente, secondo i dati del Consorzio Nazionale Imballaggi (CONAI), lo scorso anno l'Italia ha riciclato 399mila tonnellate di acciaio, 51mila di alluminio, 3 milioni e 989mila di carta, 1 milione e 997mila di legno, 1 milione e 54mila di plastica e 2 milioni e 69mila di vetro.
Ai Comuni italiani sono andati 648 milioni di euro di cui 421 milioni per attività di riciclo e recupero.
Anche nel 2019 le performance italiane nel campo dell'economia circolare sono così migliorate.

Sempre nel 2019, in Italia è stato avviato a riciclo il 70% dei rifiuti di imballaggio: 9 milioni e 560mila tonnellate sui 13 milioni e 655mila immessi al consumo. Un +3,1% rispetto ai quantitativi del 2018, che aveva visto riciclare 9 milioni e 270mila tonnellate.

La crescita è trainata essenzialmente da un aumento del 6,2% nel riciclo dei rifiuti provenienti dalla raccolta urbana.
Nell'acciaio, per esempio, l'Italia ha dimostrato di avere nel 2019 un tasso di avvio al riciclo pari all'82,2% dell'immesso al consumo, superando l'obiettivo fissato per il 2030 dalla direttiva europea sull'economia circolare, come indicano i dati del Ricrea, il Consorzio nazionale senza scopo di lucro per il recupero e il riciclo degli imballaggi in acciaio.
Nel 2019 sono state riciclate 399.006 tonnellate di imballaggi in acciaio, con un aumento del 3,1% rispetto al 2018: barattoli e scatolette, bombolette spray, tappi corona e capsule, latte, fusti, fustini in acciaio sono stati recuperati grazie alla corretta raccolta differenziata da parte dei cittadini e possono essere riciclati all'infinito. I dati registrano inoltre un aumento del 4,7% degli imballaggi raccolti rispetto al 2018, per un totale di 480.921 tonnellate.

Incoraggianti anche i dati del Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi in Alluminio (CIAL), per i quali nel 2019 sono state riciclate 51.400 tonnellate di imballaggi in alluminio, pari al 70% delle complessive 73.400 tonnellate immesse sul mercato.


Condividi su: