Il dosaggio automatico di indicatori per la qualità e la sicurezza nella filiera lattiero-casearia

Il dosaggio automatico di indicatori per la qualità e la sicurezza nella filiera lattiero-casearia

Tiziana Mariarita Granato di R-Biopharm Italia ha illustrato le procedure per il dosaggio automatizzato di urea, acido L-lattico e acetico, ammoniaca, nitrati, e lattosio, e contaminanti in latte e derivati

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

16

Ottobre
2020

Tratto dall'intervento di Tiziana Mariarita Granato, Project Manager Enzymatic & Automation R-Biopharm Italia

R-Biopharm è un’azienda tedesca che da anni si occupa dello sviluppo di sistemi e kit diagnostici, per la determinazione di costituenti alimentari e contaminanti (antibiotici, allergeni, OGM, residui, micotossine ecc.). L’industria agroalimentare deve rispondere, oggi, alle richieste sempre più restrittive della normativa vigente e dei consumatori in materia di qualità e sicurezza dei prodotti. Il controllo analitico di materie prime, semilavorati e prodotti finiti richiede di dosare componenti in tempi sempre più rapidi e al tempo stesso con estrema accuratezza.

L’analisi enzimatica permette di dosare in modo accurato, zuccheri, acidi organici, alcoli e molti altri componenti quali ad esempio azoto, nitrati, nitriti, solfiti, urea, ammoniaca anche in alimenti complessi, senza nessuna interferenza, proprio perché sfrutta l’impiego di enzimi specifici e altamente purificati. Metodi semplici e veloci consentono anche il dosaggio di allergeni in tracce (lattosio < 0.01% e solfiti < 10 ppm) sia in prodotti naturalmente privi di lattosio (limite di quantificazione 0,001%) sia delattosati (limite di quantificazione 0,002%), oltre che superfici a contatto con alimenti e acque di lavaggio degli impianti.

La preparazione del campione, solido o liquido che sia, prevede una semplice estrazione in acqua, e qualora necessario, la de-proteinizzazione/chiarificazione con TCA oppure con i reagenti di Carrez. L’analisi può essere condotta manualmente con l’ausilio di un fotometro e di fogli di calcolo per i risultati, oppure in alternativa, con l’utilizzo di analizzatori automatici (RIDA®CUBE SCAN e i-Magic M9) , che permettono di unire ai vantaggi dell’analisi enzimatica (elevata precisione, accuratezza e specificità) quelli dell’automazione, aumentando la produttività analitica, azzerando i tempi di ricostituzione dei reagenti, di utilizzo delle cuvette e riducendo i costi per singola analisi. Gli analizzatori automatici lavorano, infatti, con i nuovi kit della linea EnzytecTMLiquid, reagenti stabilizzati in soluzione e pronti all’uso, validi, anche dopo l’apertura, fino alla data di scadenza indicata per il lotto di riferimento, permettendo di realizzare 500 test/kit.

RIDA®CUBE SCAN è un analizzatore portatile mono-parametrico di piccole dimensioni (16 x 13 x 14.5 cm), ideale per le esigenze analitiche di piccoli laboratori, fornisce risultati accurati in meno di 15 minuti (produttività analitica di circa 4 test/ora). i-Magic M9 è, invece, un analizzatore multi-parametrico che consente di gestire più dosaggi sullo stesso campione o su campioni differenti (da 80 a 120 test/ora). Il sistema provvede in automatico al prelievo e dispensazione in cuvetta di reagenti e campioni, e alla sua diluizione (qualora previsto dalla metodica). Il prodotto di reazione viene letto alla lunghezza d’onda programmata e l’assorbanza registrata viene espressa in concentrazione, previa calibrazione. È la soluzione ideale per aziende e laboratori interessati a standardizzare le proprie procedure analitiche, ottimizzando i tempi di analisi e i costi: nel settore lattiero-caseario, non solo analisi di lattosio ma anche di zuccheri semplici quali glucosio/fruttosio (per ottenere informazioni nutrizionali), acidi organici (acido L-lattico e acetico), urea, ammoniaca, colesterolo, nitrati. Per un laboratorio di servizio, l’analisi di tali parametri può essere estesa a tutto il comparto alimenti e bevande (carni e derivati, uova e ovoprodotti, prodotti da forno, succhi e conserve vegetali, pesce e crostacei, vino, birra).

Altri parametri che è possibile determinare nel settore lattiero-caseario con i kit R-Biopharm (test ELISA, test microbiologici, test immunocromatografici, real-time PCR) sono le micotossine, le vitamine, gli antibiotici, ormoni e anabolizzanti, allergeni, igiene e controllo microbiologico, microrganismi e tossine batteriche.


Condividi su: