Anche il CREA nella Cattedra UNESCO

Anche il CREA nella Cattedra UNESCO

Il Consiglio Italiano per la ricerca in agricoltura è fra i partner della Cattedra in "Ambiente, Risorse e Sviluppo Sostenibile". Obiettivo: costituire un centro di eccellenza internazionale in queste scienze fondamentali

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

07

Maggio
2020

Nel centenario della sua fondazione, l’Università degli Studi di Napoli Parthenope riceve un prestigioso riconoscimento internazionale: la Cattedra UNESCO in Ambiente, Risorse e Sviluppo Sostenibile. Il contributo del CREA consiste nello sviluppare attività di ricerca applicata su aspetti ambientali, economici e sociali dello sviluppo sostenibile, con particolare attenzione al raggiungimento degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e al Programma Uomo e Biosfera (MAB) dell'UNESCO.

“La Cattedra UNESCO è stata conferita dopo un decennio di attiva collaborazione scientifica con il quartier generale dell’UNESCO di Parigi, in particolare con la Divisione di Ecologia e Scienze della Terra, il Segretariato del Programma Uomo e Biosfera e la Commissione Oceanografica Internazionale”, ricorda il Magnifico Rettore Professor Alberto Carotenuto. La Cattedra UNESCO, connessa all’omonimo Dottorato di Ricerca Internazionale del Dipartimento di Scienze e Tecnologie, è coordinata dal Professor Pier Paolo Franzese e ha sede presso la monumentale villa Doria d’Angri, storica sede di rappresentanza dell’Università Parthenope. Presso la sede della Cattedra UNESCO è attivo un Laboratorio di Ricerca Internazionale che ospiterà dottorandi di ricerca, ricercatori e docenti di varie nazionalità e diversi ambiti disciplinari.

L’obiettivo generale della Cattedra UNESCO è di costituire un centro di eccellenza internazionale nei settori delle scienze ambientali, dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile. Gli obiettivi specifici saranno conseguiti attraverso attività di ricerca scientifica, di didattica e di divulgazione focalizzate su due assi principali:
1) il raggiungimento degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile definiti dall’Agenda 2030 dell’ONU;
2) la sperimentazione di modelli di sviluppo sostenibile nelle Riserve della Biosfera dell’UNESCO, veri e propri laboratori territoriali nei quali perseguire obiettivi di conservazione della natura e sviluppo socio-economico.

La Cattedra UNESCO beneficia di un solido partenariato che include oltre 20 istituzioni nazionali e internazionali, tra cui: Università europee e internazionali situate in quattro diversi continenti, Riserve della Biosfera dell’UNESCO, centri di ricerca nazionali e internazionali (CNR, CREA, CIHEAM), la Società Italiana di Ecologia (SItE), il Consorzio Interuniversitario per le Scienze del Mare (CoNISMa), l’Ordine Nazionale dei Biologi, e associazioni di categoria come la Coldiretti.

Attraverso la creazione di network con diversi attori sociali e la collaborazione interuniversitaria, la Cattedra UNESCO contribuirà ad affrontare le sfide locali e globali legate alle complesse interazioni uomo-natura e rappresenterà un’importante risorsa per il trasferimento di know-how e il supporto scientifico a studenti, ricercatori, cittadini, manager e decisori politici.

Nella foto: Sede della Cattedra UNESCO in "Ambiente, Risorse e Sviluppo Sostenibile" in Villa Doria d'Angri, Napoli, Università degli Studi di Napoli Parthenope


Condividi su: