I pilastri del cambiamento

I pilastri del cambiamento

Sviluppare le condizioni economiche, sociali, ambientali per una sostenibilità che duri nel tempo

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

17

Maggio
2019

A cura di Amina Ciampella

Quello che appare chiaro a tutte le persone di buon senso è che soltanto azioni interconnesse e sinergiche, azioni win-win sul breve e lungo periodo, possono avvicinarci alla sostenibilità delle attività umane e quindi alla tutela del capitale naturale già ampiamente eroso che andrebbe, invece, rigenerato.
Sappiamo che lo sviluppo per essere sostenibile si basa su tre dimensioni: economica-sociale-ambientale.
Quella economica rimanda sia alla produzione e al commercio interni a ogni Paese sia internazionali. La dimensione sociale significa dignità, salute e benessere di tutti i cittadini. Quella ambientale richiama la riduzione degli impatti delle attività umane.
Possediamo molte di queste competenze e sensibilità, spesso in modo frazionato e non sistematicamente interconnesso. Possiamo identificare un metodo, ad esempio il Quality Function Deployment (QFD), ed estenderlo in questo senso per introdurre in azienda e nei servizi le dimensioni necessarie alla “nostra” declinazione di sostenibilità.

La catena agroalimentare

Solo un numero, che denuncia un’enormità: la FAO, Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, stima in 1,3 miliardi circa di tonnellate/anno gli sprechi/perdite alimentari nel mondo, pari a circa un terzo della produzione di alimenti destinati alla nutrizione umana.

L’obiettivo 12, garantire modelli sostenibili di produzione e consumo, vede coinvolte le imprese alimentari, di ogni dimensione. È il nostro obiettivo principe, madre di una miriade di sotto obiettivi che possiamo e dobbiamo ritrovare nelle filiere che ci riguardano: riduzione degli impatti, uso di energie rinnovabili, riduzione di scarti e sprechi, acquisti sostenibili, reimpiego di sottoprodotti, composizione salutistica dei prodotti, valorizzazione dell’innovazione tecnologica, packaging e molto, molto altro ancora.

La piramide demografica

Nel volume World Population Prospects: The 2017 Revision, Volume II: Demographic Profiles curato dal United Nations Department of Economic and Social Affairs/Population Division si possono osservare i profili demografici “futuri” del mondo. Limitandoci all’Italia, si nota come dalla classica piramide degli anni '50, siamo passati all’anfora dei nostri giorni e arriveremo probabilmente al cilindro del XXII secolo.

Population by age groups and sex (absolute numbers). The data are in thousands or millions. The projection period 2015-2100 refer to the medium fertility variant.
 

Sempre meno giovani, sempre più anziani, sempre più vegliardi! Come cambieranno i consumi? Come seguire dinamicamente questi mutamenti? Ma soprattutto: come riorientare sostenibilmente il mercato?

I 17 goal
I nostri impegni, gli impegni di OM
SDG - Call for action


Condividi su: