Green deal: l'agroalimentare italiano parte bene

Green deal: l'agroalimentare italiano parte bene

Lo afferma lo studio Fieragricola-Nomisma: primi in Europa in sicurezza alimentare e bio, sprechi in diminuzione, in calo anche gas serra e uso di agrofarmaci e fertilizzanti

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

22

Gennaio
2020

L'Italia sembra essere già in vantaggio rispetto al Green Deal europeo. Secondo uno studio realizzato dall'Osservatorio Fieragricola-Nomisma, illustrato durante la presentazione dalla 114° Fieragricola, la filiera agroalimentare italiana, in attesa del piano operativo sull'economia verde più importante della storia, è già in vantaggio su uno dei paradigmi cardine. Ci riferiamo alla salubrità e alla sicurezza dei suoi alimenti, che presentano le percentuali più alte di prodotti che, secondo i controlli dell'EFSA, risultano essere privi di residui, meglio di quanto facciano Germania, Francia e Spagna.

Meno sprechi, più bio

Buone notizie anche sul fronte degli sprechi, con i rifiuti alimentari pro-capite (126 kg annui) del 16% inferiori alla media europea e in forte calo nell'ultimo decennio. Inoltre l'Italia detiene il record UE di superficie e incidenza bio per seminativi e colture permanenti con 1,5 milioni di ettari, davanti a Francia, Spagna e Germania.
Calano così anche le emissioni di gas serra (-12,3% negli ultimi vent'anni secondo Eurostat), che incidono per il 7% sul totale delle emissioni contro il 10% della media europea.

Agrofarmaci

La sensibilità green degli agricoltori e dei prodotti italiani si estende anche all'utilizzo di agrofarmaci e fertilizzanti. Secondo l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), nell'ultimo decennio se ne è fatto sempre meno uso e spesso i consumi si sono dimezzati: è il caso degli insetticidi (da 1,2 kg di principi attivi ad ettaro a 0,6 kg), dei fungicidi (-30%), degli erbicidi (-20%), di azoto (-25%), anidride fosforica (-36%), ossido di potassio (-50%).
"Emergono gli enormi sforzi fatti negli anni dagli agricoltori italiani - afferma il responsabile agroalimentare di Nomisma e curatore dello studio, Denis Pantini - per rendere la propria attività più rispettosa dell'ambiente soprattutto a fronte delle calamità prodotte dai cambiamenti climatici. Una sostenibilità ambientale che però non può essere scollegata da quella economica. Ma da questo lato, purtroppo, negli ultimi cinque anni i redditi delle imprese agricole italiane non si sono mossi, a fronte invece di quelli degli agricoltori spagnoli e francesi".


Condividi su: