Ambiente: è una priorità per i giovani italiani?

Ambiente: è una priorità per i giovani italiani?

Secondo un'indagine Coldiretti-Ixè la svolta green sarebbe scattata per 1 giovane su 3: si privilegiano il car sharing e il coworking. Si scelgono alimenti bio e locali. I temi ambientali sono il fulcro del 64% delle conversazioni

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

19

Gennaio
2020

"Più di 1 giovane italiano su 3 (38%) ritiene che l'ambiente rappresenti l'emergenza principale subito dopo il lavoro, tanto che nell'ultimo anno ha modificato profondamente i propri comportamenti": è quanto emerge dalla prima indagine Coldiretti-Ixè dal titolo La svolta green delle nuove generazioni, presentata in occasione della consegna degli Oscar Green.

Tra i comportamenti che gli under 35 sono pronti ad adottare pur di tutelare l'ecosistema, afferma lo studio, ci sono: mangiare cibi locali (77%), seguito da andare a piedi invece che in macchina o in moto (64%), rinunciare all'utilizzo dei condizionatori (56%), spendere di più per acquistare solo prodotti alimentari biologici (56%), rinunciare a vacanze che prevedono viaggi aerei (33%).

L’attenzione alla sostenibilità e alla tutela dell’ambiente porta quasi 1 giovane su 2 (48%) a chiedere l'arresto per i responsabili di danni ambientali come sversamento di petrolio in mare o inquinamento dei terreni, mentre il 52% vorrebbe una grossa multa e il ripristino a sue spese e solo un 2% eviterebbe di punire gli autori dei danni ambientali con la scusa che ciò metterebbe a rischio posti di lavoro. Al contrario, per quasi 6 giovani su 10 (59%) proprio il rispetto della natura e della sostenibilità crea nuova occupazione.

Una vera svolta si sta verificando anche negli hobby verdi con 6 italiani su 10 (62%) che in orti, giardini, balconi e terrazzi si prendono cura di verdure, di piante e fiori capaci di pulire l'aria dalla smog. "Se in passato erano soprattutto i più anziani ad essere coinvolti, adesso - ha sottolineato Coldiretti - la passione si sta diffondendo anche tra i più giovani".

"Non è un caso che le tematiche ambientali - ha puntualizzato Coldiretti - siano spesso o addirittura spessissimo al centro delle conversazioni del 64% dei giovani sotto i 25 anni, contro una media generale del 48%". "Questa nuova attenzione green - ha concluso il presidente Coldiretti Ettore Prandini - rappresenta una base importante per trasformare l'economia italiana ed europea".


Condividi su: