-20% le vendite di pesticidi in Italia

-20% le vendite di pesticidi in Italia

Secondo i dati Eurostat il calo è riferito al periodo 2011-2018. Siamo l'unica grande economia agroalimentare virtuosa dell'Unione. +39% in Francia e +53% in Austria

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

03

Giugno
2020

L'Italia è l'unica grande economia agricola dell'Unione europea ad aver visto una riduzione delle vendite dei pesticidi dal 2011 al 2018: oltre il 20% in meno, certifica Eurostat. Nello stesso periodo le vendite sono aumentate leggermente in Germania e del 39% in Francia.
Per l'altra grande economia agricola, la Spagna, i dati sono incompleti sui diversi gruppi di pesticidi ed Eurostat non ha effettuato la comparazione.
Un incremento notevole delle vendite si è registrato anche in Austria (+53%), che è lo stato UE con la maggior quota di superficie agricola a biologico.

In quanto Paesi principali produttori agricoli dell'Unione, con il 51% della superficie agricola e 49% di quella arabile nel continente, Germania, Spagna, Francia e Italia fanno registrare i volumi più alti venduti nella maggior parte dei gruppi principali e in totale. Ma l'Italia è l'unica delle quattro ad aver ridotto le vendite.
Meglio fanno solo il Portogallo, dove nel 2018 il volume dei pesticidi venduti è stato inferiore del 43% rispetto al 2011, Irlanda e Repubblica Ceca.


Condividi su: