113 milioni di persone soffrono la fame per la guerra e i cambiamenti climatici

113 milioni di persone soffrono la fame per la guerra e i cambiamenti climatici

E altri 143 milioni di esseri umani sono a un passo dalla crisi alimentare. Lo dice il Rapporto del Global Network Against Food Crises

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

02

Aprile
2019

Sono 113 milioni in 53 Paesi le persone che nel 2018 hanno sofferto la fame a causa di guerre e disastri naturali causati anche dai cambiamenti climatici.

Il dato sulla fame acuta, diversa dalla fame cronica che colpisce oltre 820 milioni di persone nel mondo, è in calo rispetto ai 124 milioni nel 2017, ma i Paesi interessati sono aumentati. Inoltre 143 milioni di persone in altri 42 Paesi sono a un passo da crisi alimentari.
Questo è il quadro terribile delineato dal Rapporto Globale sulle Crisi Alimentari presentato a Bruxelles nell'ambito della conferenza Food and agriculture in times of crisis. Il Rapporto è prodotto ogni anno dal Global Network Against Food Crises, una rete di enti che lavorano per combattere la fame rafforzando i legami tra organizzazioni umanitarie e di sviluppo. Tra i partner figurano l'Unione Europea, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO) e il Programma Alimentare Mondiale (WFP).

Il Rapporto 2019 ci dice che dei 113 milioni di persone colpiti da insicurezza alimentare acuta, due terzi sono concentrati in otto Paesi: Afganistan, Repubblica democratica del Congo, Etiopia, Nigeria, Sud Sudan, Sudan, Siria e Yemen. L'analisi non copre realtà come Corea del Nord e Venezuela perché i dati non sono disponibili.

I risultati del Rapporto sono un forte richiamo a una cooperazione rafforzata che unisca prevenzione, preparazione e risposta alle necessità umanitarie e alle loro cause. Tra queste rientrano i cambiamenti climatici, gli shock economici, i conflitti e lo sfollamento della popolazione. Il Rapporto indica la necessità di un approccio unificato dell’azione umanitaria e delle politiche per lo sviluppo rispetto alle crisi alimentari, oltre a richiedere maggiori investimenti nella mitigazione dei conflitti.

“Per sconfiggere la fame, dobbiamo affrontarne le cause alla radice: conflitti, instabilità, shock climatici. Per raggiungere l’obiettivo Fame Zero - ha affermato il Direttore Esecutivo del WFP, David Beasley - i bambini e le bambine hanno bisogno di essere ben nutriti e di ricevere una buona istruzione, le donne devono essere veramente emancipate, le infrastrutture rurali rafforzate. Programmi che rendano resilienti e più stabili le comunità ridurranno gli affamati. E abbiamo bisogno che i leader del mondo facciano un’altra cosa: si prendano le proprie responsabilità e contribuiscano a risolvere questi conflitti, ora.”


Condividi su: