Zampone e Cotechino? Nuova ricetta!

Zampone e Cotechino? Nuova ricetta!

Via i derivati del latte, proibita l'aggiunta di glutammato. Per le feste le due IGP emiliane si presentano nella nuova ricettazione. Cambia anche il logo che accoglie il rosone del Duomo di Modena

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

29

Dicembre
2017

Gennaio 2018: per lo Zampone Modena IGP e per il Cotechino Modena IGP sono queste le prime feste con il nuovo logo e una ricetta rivista che, nei due tra i più antichi prodotti della salumeria italiana, toglie i derivati del latte e l'aggiunta di glutammato. Lo ha annunciato l'Istituto di Valorizzazione dei Salumi Italiani nel precisare che nel nuovo logo i colori - azzurro e oro - riprendono quelli dell'araldica della città di Modena e l'elemento caratterizzante rappresenta il rosone del Duomo di Modena.

"Da gennaio - ha annunciato Paolo Ferrari, presidente del Consorzio Zampone e Cotechino Modena IGP - abbiamo un prodotto senza glutammato aggiunto, senza derivati del latte e solo con aromi naturali. Speriamo che piaccia al consumatore".

Intanto i numeri delle vendite 2016 sono più che soddisfacenti. "Prevediamo di mantenere i volumi di vendita dello scorso anno - conclude Ferrari - la nostra sensazione al momento è positiva. Questi prodotti sono tornati ad essere protagonisti nei cesti natalizi. Nel 2016 abbiamo venduto un milione di chili di zampone e due milioni di chili di cotechino, con la produzione dell'IGP che ha coperto il 70% dell'intero mercato''.

Le due IGP affondano le origini nella storia più lontana: la leggenda narra che zampone e cotechino avrebbero fatto la loro prima apparizione nell'inverno del 1511 a Mirandola, quando la città fu assediata dalle milizie del papa Giulio II Giuliano della Rovere. In quell'occasione i Mirandolesi si sarebbero ingegnati cominciando, in un primo momento, a insaccare la carne di maiale nella cotenna o a utilizzare la cotenna come ingrediente di un salume da cuocere, dando origine al cotechino e, successivamente, a insaccarla nelle zampe, decretando l'origine dello zampone.


Condividi su: