Viticoltura hi-tech verso il biologico

Viticoltura hi-tech verso il biologico

Monitoraggio costante delle condizioni climatiche per ridurre i trattamenti convenzionali sulle viti da Erbaluce di Caluso

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

28

Giugno
2018

Una stazione meteo tra i filari per prevenire lo sviluppo delle malattie fungine e ridurre i trattamenti.
Il Consorzio di tutela dell'Erbaluce di Caluso DOCG, prodotto in 37 Comuni della provincia torinese, ha installato le prime 8 “capannine” dotate di attrezzature per misurare le piogge, le temperature, il grado di umidità, la bagnatura fogliare e il punto di rugiada in modo tale da potere effettuare previsioni sulle principali patologie della piante di vite1.

“Ogni capannina - dice Ivo Actis Dana, presidente della Cantina della Serra - copre 3 chilometri quadrati ma comunica con tutte le altre. La rilevazione avviene ogni 5 minuti e la trasmissione una volta all'ora."
Al progetto finora ha aderito il 60% dei soci del Consorzio.

Nell'ultima primavera si è già ottenuta la riduzione di un trattamento rispetto alla gestione convenzionale. Un risultato che costituisce un maggior incentivo allo sviluppo della viticoltura biologica.
M.P.

1.  Peronospora, iodio, botrite e black-rot o marciume nero.
 

Condividi su: