Vino: a Düsseldorf primi gli italiani

Vino: a Düsseldorf primi gli italiani

Più di 1.700 gli espositori che a marzo approderanno alla 25° edizione del ProWein

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Gennaio
2019

Il vino è il nostro mestiere: superando i 1.700 espositori, l'Italia si conferma il Paese più rappresentato a ProWein 2019, il primo evento internazionale per importanza che, dal 17 al 19 marzo, porterà a Düsseldorf il mondo del vino e dei distillati.
L'edizione 2019 sarà quella che celebrerà 25 anni di storia, come sottolineato nel corso della presentazione a Roma da Marius Berlemann, direttore del Prowein. I numeri sono di tutto rispetto: 712mila visitatori professionisti e 843.427 mq netti di superficie espositiva con una sempre più massiccia partecipazione internazionale, italiana in testa.

Le nostre 1.700 aziende popoleranno i padiglioni 15 e 16, sancendo la posizione di leadership al fine di consolidare il brand Italia non solo in Germania, sbocco fondamentale dove il nostro Paese copre il 36% del totale import, ma anche nel resto d'Europa e soprattutto in Asia, target privilegiato di ProWein che, oltre alla Cina, ora guarda anche all'India.

Dalla nuova cultura dell'aperitivo ai 'Vini d'altura', saranno diverse le tendenze e le novità al centro dell'edizione 2019, che si prepara ad aprire 10 padiglioni per ospitare tutte le principali regioni vitivinicole del mondo, insieme a 400 produttori di liquori e a 40 maison dello Champagne presenti con oltre 150 etichette.


Condividi su: