USA, c'è il via libera per il Culatello

USA, c'è il via libera per il Culatello

Ci sono voluti 15 anni per avere il permesso di esportare la DOP di Zibello negli Stati Uniti. Lo annuncia Negroni che ha ottenuto l'accreditamento a fianco del Consorzio di Tutela

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

27

Novembre
2017

Il Culatello di Zibello DOP sbarca negli Stati Uniti. Ad annunciarlo è il marchio Negroni che per primo tra i produttori di questa eccellenza made in Italy ha ottenuto il via libera dal Dipartimento dell'Agricoltura americano (USDA-SFIF), dopo un iter di certificazione durato 15 anni che ha di fatto sdoganato questa specialità in USA, dove finora non poteva essere importato.

Era infatti il 2002 quando sono partiti gli incartamenti da parte dell'azienda e si è avviata la collaborazione tra i tecnici italiani e quelli americani.
"L'iter di certificazione americano - spiega Negroni all'ANSA - prevede sia la certificazione dello stabilimento di produzione sia la certificazione del prodotto, in tutte le sue componenti, incluso il marchio e il packaging. In questo lungo processo Negroni ha operato a fianco del Consorzio di Tutela del Culatello di Zibello DOP. La strategia di accreditamento ha mirato a far comprendere alle autorità Usa che il Culatello di Zibello può essere inserito nella stessa linea di prodotti top come il Prosciutto di Parma e il San Daniele".


Condividi su: