Un packaging innovativo per potenziare la sicurezza alimentare

Un packaging innovativo per potenziare la sicurezza alimentare

Sealed Air ovvia al problema dello spreco e della sostenibilità ambientale di Zanetti attraverso un nuovo packaging dallo spessore di soli 75 micron

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

12

Giugno
2018

"Grazie alla collaborazione con Sealed Air, abbiamo implementato una soluzione di confezionamento che massimizza la sicurezza alimentare, preserva la qualità e protegge dalle perdite di vuoto all'interno della nostra estesa catena di fornitura. Inoltre, la soluzione proposta ha aiutato a migliorare la nostra sostenibilità e la resa visiva del prodotto. Tutti questi vantaggi si allineano con la strategia delineata nel nostro primo bilancio aziendale sociale”, ha dichiarato Attilio Zanetti, amministratore delegato di Zanetti.

Nel 2017, uno studio di Planet Retail1, condotto per conto di Sealed Air Food, in merito agli scarti del processo alimentare ha rilevato che i retail di tutta Europa ritengono che fino al 26% dei prodotti a scaffale vada sprecato.

Zanetti, esportando direttamente in oltre 80 Paesi del mondo, aveva l’esigenza di ovviare al problema dello spreco e della sostenibilità produttiva. Tale desiderio di garantire la sicurezza dei prodotti riflette la consapevolezza dei consumatori attuali.

Sealed Air, storico fornitore di packaging per Zanetti, ha proposto l'adozione dei sacchi Cryovac® OptiDureTM per le quattro linee di produzione dell'azienda casearia.

Grazie all’elevata termoretraibilità e all'elevata resistenza alle sollecitazioni meccaniche, la soluzione ha offerto a Zanetti una maggiore sicurezza nelle fasi post-trasporto ed esportazione. Si è registrato un miglioramento della sicurezza alimentare, come dichiarato da un cliente con sede negli Stati Uniti che ha riportato una forte riduzione degli scarti derivanti dalla perdita del sottovuoto.

Altro vantggio del sistema Cryovac® OptiDure, è quello di ridurre lo spessore del materiale di confezionamento del 25% da 100 micron a 75 micron, offrendo significativi vantaggi di sostenibilità in tutta la catena di fornitura globale. La soluzione ha consentito di ridurre il consumo di energia in fase di produzione e di limitare le emissioni rispetto allo standard di mercato. L'azienda ha inoltre assistito a un aumento dell'efficienza operativa, che si è tradotto in una notevole riduzione dei costi. 
M.P.

1. Studio eseguito da Harris Poll nel 2016 ‘‘Europe Grocery Shoppers and Food Waste"

Condividi su: