Un buongiorno integrale

Un buongiorno integrale

Arriva il Buondì con farina 100% integrale e senza olio di palma. La glassa è di semi di girasole, fiocchi d’avena e quinoa rossa

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Maggio
2021

Approda sugli scaffali la versione "salutista" di una delle merendine più conosciute in Italia: il nuovo Buondì Motta Integrale realizzato con farina integrale e con una glassa originale nata da un mix di semi di girasole, fiocchi d’avena e quinoa rossa.
L’impasto con farina 100% integrale viene lasciato lievitare naturalmente per 22 ore: l’azione del lievito madre lo rende più soffice e morbido del tradizionale. Il nuovo Buondì è l’unico della linea che non contiene olio di palma, ma soltanto olio di semi di girasole.

Nella tabella nutrizionale è riportato il confronto con il Buondì classico: la versione integrale contiene meno grassi saturi e un po’ meno zuccheri. L’incidenza sull’apporto medio giornaliero è inferiore soprattutto per gli acidi grassi saturi: un Buondì classico apporta il 10% del valore di riferimento  giornaliero, la versione integrale il 4%.

Anche il pack del nuovo Buondì Motta Integrale si presenta a scaffale completamente rinnovato: i colori e il design semplici hanno l'obiettivo di attirare l'attenzione di chi ama la natura.

La brioche integrale ha un prezzo più alto: 12 euro al kg, vale a dire 40 centesimi a merendina, circa 10 centesimi in più degli altri Buondì.


Condividi su: