Torna

Torna "Antica Pasticceria Ferrua"

Galup rispolvera il suo vecchio marchio e lo posiziona nella gamma premium: fu lanciato da Pietro Ferrua, l’inventore del panettone basso piemontese

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

15

Ottobre
2019

Per “Antica Pasticceria Ferrua”, storico brand fondato da Pietro Ferrua che rinasce in omaggio dell’inventore del panettone basso piemontese, sarà una produzione di nicchia distribuita solo nei negozi di alta gamma. “Antica Pasticceria Ferrua” era il nome dell’antico forno in cui il pasticciere Ferrua diede vita alla sua ricetta che in pochi anni gli fece guadagnare il titolo di Fornitore della Real Casa. Solo in un secondo tempo il marchio prese il nome di “Galup”: la storia narra che fu la moglie di Ferrua, Regina, a cambiarne l’appellativo, dopo aver ascoltato un amico che assaggiando il panettone esclamò «A l’è propri galup» (che in dialetto significa “goloso”).

Oggi il marchio “Antica Pasticceria Ferrua” vuole fare un salto indietro al 1922 per rivivere la storia di Pietro Ferrua e dei suoi inizi nel forno dai mattoni rossi di Pinerolo, Torino. La produzione prevede l'edizione limitata di tre referenze in vendita da novembre:

  • Panettone Classico: pasta all’arancia rossa IGP e impasto soffice con uvetta australiana e canditi d’arancia e cedro diamante. A coprire, la glassa alla Nocciola Piemonte con granella di zucchero e mandorle di Sicilia
  • Panettone Amarene e Cioccolato Ecuador: nell’impasto si incontrano le amarene candite Fabbri e le gocce di cioccolato extrafondente dell’Ecuador. Non manca la tradizionale copertura di glassa alla Nocciola Piemonte con granella di zucchero e mandorle di Sicilia
  • Panettone Pesca, Amaretto e Cioccolato Ecuador: una ricetta che si ispira alle pesche ripiene, dessert tipico della tradizione piemontese. Nell’impasto si mescolano pesche candite e gocce di cioccolato extra fondente dell’Ecuador; la glassa è arricchita con una granella di amaretti croccanti.

Ogni panettone viene lavorato in tre diverse fasi di impasto, fino a 40 ore di lievitazione naturale con lievito madre. Il panettone dell’Antica Pasticceria Ferrua è basso e la superficie riservata alla copertura è ampia, per esaltare le qualità della glassa composta dalla Nocciola Tonda Gentile Trilobata del Piemonte.

I tre panettoni “Antica Pasticceria Ferrua” vengono distribuiti in cappelliera o incarto. Per quest'ultimo la carta tinta in fibra è color blu Savoia, mentre il marchio è in lamina oro stampato a caldo. Aprendo l’incarto, si scopre un’anima in cartoncino disegnata in esclusiva per l’Antica Pasticceria. Ogni panettone viene incartato singolarmente e chiuso a mano con un cordone di fibra naturale.
La cappelliera è un formato speciale per creazioni eccezionali fuori formato: panettoni da 1 e 3 kg.


Condividi su: