Tenute Piccini controcorrente: fatturato +6,5%

Tenute Piccini controcorrente: fatturato +6,5%

Nell'anno del Covid, il produttore toscano è cresciuto grazie alla diversificazione dei canali di vendita

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

23

Dicembre
2020

Una buona notizia dal settore dei vini, finalmente: crescere anche durante l'anno orribile della pandemia si può. Ce lo dimostra Tenute Piccini che presenta oggi i risultati 2020, un anno iniziato con l'inaugurazione della nuova sede produttiva a Casole d’Elsa e superato positivamente grazie a una strategia di diversificazione.

"È stato un anno drammatico dal punto di vista sociale e molto complicato dal punto di vista aziendale - ha dichiarato Mario Piccini, AD dell’azienda. - Il canale Horeca ha subito perdite notevoli ma siamo riusciti a riorganizzarci rapidamente potenziando la crescita delle vendite in grande distribuzione e nell’e-commerce diretto, che ad oggi rappresenta l’1% del fatturato aziendale. La strategia di diversificazione, il rapido riassetto della distribuzione e l’impegno collettivo di tutti i collaboratori dell’azienda, hanno contribuito al raggiungimento di un +6,5% di fatturato sul 2019. Il mercato rimane comunque estremamente volatile e inevitabilmente legato agli sviluppi della situazione Covid con relative ricadute della pandemia sul potere di acquisto delle famiglie", ha concluso l’AD.

In termini di volumi Tenute Piccini prevede di arrivare a una conclusione d’anno con un aumento del 3% in Italia, del 9% all’estero e di circa il 300% sul canale e-commerce. Tale crescita ha garantito la continuità del lavoro a tempo pieno di tutti i dipendenti, nonché l’inserimento di nuove figure professionali all’interno dell’organico aziendale.

Per l'azienda di Castellina in Chianti, il 2020 è iniziato con l’inaugurazione della nuova sede produttiva di Casole d’Elsa, che ha significato un investimento di 13 milioni di euro in produzione e logistica, ed è proseguito con la riorganizzazione dei processi produttivi interni in termini di efficienza e sostenibilità: "La cancellazione di eventi e viaggi - ha spiegato Mario Piccini - ci ha consentito di volgere il nostro focus all’interno dell’azienda. Abbiamo intrapreso un iter di certificazione per la sostenibilità sociale, ambientale ed economica che si accompagna a un incremento dell’offerta dei nostri vini biologici."

Da menzionare anche l’evoluzione della realtà storica Agricoltori del Geografico, sotto la guida della famiglia Piccini dal 2018, che quest’anno è stata protagonista di un incremento qualitativo delle nuove annate e del lancio di nuove eccellenze, frutto del progetto di filiera in atto con i viticoltori conferitori, la cui crescita in numero ha portato alla vinificazione di 40.000 quintali di uva.


Condividi su: