TB1, il gene che disegna le spighe di grano

TB1, il gene che disegna le spighe di grano

La scoperta fatta in Gran Bretagna dal Centro John Innes di Norwich rappresenta un grande passo avanti per l'aumento dei raccolti. Potrebbe tornare utile anche per altre coltivazioni come mais, orzo e riso

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

11

Aprile
2018

Scoperto il gene che "disegna" letteralmente le spighe di grano controllandone forma e dimensioni: si tratta di un progresso molto importante nella battaglia per aumentare le rese del cereale più coltivato al mondo e potrebbe essere implicato anche in altre coltivazioni molto diffuse, come mais, orzo e riso. La scoperta, pubblicata su The Plant Cell con lo studio intitolato "TEOSINTE BRANCHED1 Regulates Inflorescence Architecture and Development in Bread Wheat (Triticum aestivum L.)", viene dal John Innes Centre di Norwich in Inghilterra ed evidenzia l'importanza delle tecniche di nuova generazione per la ricerca in questo campo. La rete internazionale per il coordinamento della ricerca sul grano fondata nel 2011, chiamata Wheat Initiative, ha identificato nell'architettura della spiga di grano uno degli elementi chiave per migliorare dell'1,6% le rese dei raccolti, un obiettivo fondamentale per riuscire a sfamare la popolazione mondiale. I ricercatori si sono concentrati su una particolare mutazione del grano tenero, che fa spuntare due spighe appaiate al posto della classica spiga singola.

Lo studio ha rivelato che il gene chiamato TB1 regola la forma della spiga favorendo la versione formata da due appaiate, grazie ad un meccanismo che ritarda la fioritura e riduce il ruolo di altri geni implicati. Ulteriori analisi hanno mostrato che la versione mutata di TB1 è presente in molte varietà coltivate diffusamente in Europa e in Gran Bretagna e il gene è collegato strettamente ad un altro conosciuto da molto tempo, il cosiddetto "gene della Rivoluzione Verde" (Rht-1), che invece controlla l'altezza della pianta.


Condividi su: