Svezzamento? Il bimbo ci può arrivare da solo

Svezzamento? Il bimbo ci può arrivare da solo

L'importante è che il pasto sia condiviso con tutta la famiglia, evitando regole rigide e pappe cucinate ad hoc. L'Associazione Culturale Pediatri ha elaborato una guida per arrivare naturalmente all'alimentazione complementare a richiesta

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

03

Aprile
2018

Un gruppo di lavoro interdisciplinare dell'Associazione Culturale Pediatri ha stilato un documento rivolto a un pubblico fatto di esperti ma, soprattutto, di madri e padri dove si possono trovare i pilastri dell'alimentazione complementare a richiesta, un modo diverso di far avvicinare il lattante al cibo rispetto allo svezzamento tradizionalmente inteso: niente pappe e frullatore, sì a mangiare a tavola con gli adulti e ad alimenti sminuzzati introdotti senza regole rigide.

   Il documento mira a far arrivare il messaggio che "parlare di alimentazione complementare significa valorizzare la dieta di tutta la famiglia". La prima domanda che un genitore si pone è a che età iniziare a introdurre cibi solidi nella dieta del piccolo. La risposta è semplice: "quando mostra interesse per il cibo, ovvero lo richiede attivamente, e mostra segni di adeguato sviluppo neuromotorio". Di solito questo succede verso i 6 mesi, ma "il conto alla rovescia si fa solo a Capodanno, mentre nel caso dei bambini bisogna semplicemente osservarli". Quanto al cosa, il documento precisa che il latte (preferibilmente materno) rimarrà l'alimento principale fino a verso i 12 mesi. Il passaggio a una dieta da adulto sarà un processo lento e rispettoso dei tempi di ciascun bambino, senza atti di forza.

Il cardine dell'autosvezzamento è che il bambino mangia "quello che vuole nelle quantità che vuole e se ne vuole", e lo fa perché, messo a tavola insieme al resto della famiglia, ha modo di farne richiesta mostrando interesse: quindi è essenziale che i genitori seguano una dieta sana e varia. In tal caso "non c'è motivo di immaginare una distinzione tra cibo per grandi e per piccoli". Per lo stesso motivo il documento sconsiglia l'uso della parola "pappa" intesa come brodino, cereali in polvere e omogeneizzati.
Non ci sono alimenti da evitare, basta il buon senso e ricordarsi di farli a pezzetti.


Condividi su: