Street food d'Italia, la guida del Gambero Rosso

Street food d'Italia, la guida del Gambero Rosso

Esce la settima edizione del volume. Contiene 600 indirizzi e 20 campioni del cibo da strada made in Italy

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

13

Luglio
2021

Il cibo da strada ha un posto speciale nella cultura alimentare italiana visto che vi ricorriamo più o meno tutti soprattutto in vacanza. Così, anche il Gambero Rosso mette nero su bianco i suoi consigli per scegliere gli indirizzi giusti della Penisola visto che resta alta l'attenzione in Italia per il mondo dello street food, nonostante le vicissitudini che hanno messo a dura prova i gestori dei food truck a causa del covid e con l'annullamento di eventi, sagre e festival per le misure contingentate all'emergenza sanitaria.

A registrare la buona salute del fenomeno cibo di strada, "che non accenna a scemare", è proprio la settima edizione della Guida Street Food 2022 di Gambero Rosso, presentata a Roma al Museo Maxxi presso Mediterraneo.
La pubblicazione presenta 600 indirizzi, 20 nuovi campioni regionali e due premi speciali: Street Food da Chef, per la rielaborazione inedita di un piatto tipico dello street food nell'alta cucina, e Street Food on the road, dedicato alla migliore proposta di cibo di strada itinerante.
Il premio per lo Street Food da Chef è andato a Matias Perdomo - Empanadas del Flaco (Milano), mentre ad aggiudicarsi quello per lo Street Food on the road è Mollica's (Toscana).
Oltre al premio Street Food da Chef nella guida si noteranno i nomi noti che hanno aperto attività dedicate al cibo di strada.

"Anche quest'anno - commenta Paolo Cuccia, presidente di Gambero Rosso - presentiamo il meglio del panorama del cibo di strada italiano. Una tendenza enogastronomica in continua evoluzione che coinvolge sempre più spesso anche le cucine più rinomate con continue contaminazioni, ma senza dimenticare la nostra cultura e la nostra storia".

"Una guida - afferma l'amministratore delegato Luigi Salerno - che celebra uno dei patrimoni della nostra tradizione enogastronomica. Un settore che si sta evolvendo anche grazie alla continua e costante attenzione ai prodotti di qualità made in Italy".


Condividi su: