“Sicurezza alimentare: metodi rapidi per il controllo di alimenti, acque e superfici”

“Sicurezza alimentare: metodi rapidi per il controllo di alimenti, acque e superfici”

Si è svolto a Milano il convegno dedicato alle analisi degli alimenti: ecco i punti salienti dei contenuti didattici e delle dimostrazioni pratiche

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

09

Ottobre
2019

Giovedì 26 settembre si è tenuta la seconda edizione del convegno “Sicurezza alimentare: metodi rapidi per il controllo di alimenti, acque e superfici”. Dopo l'appuntamento del 2018, anche quello del 2019, organizzato da c_OM_unicando, ha registrato un grande successo. Circa 90 corsisti hanno seguito gli interventi della sessione plenaria mattutina: gli accademici hanno approfondito i metodi rapidi di analisi, le caratteristiche delle acque potabili e i sistemi di trattamento, la sanificazione nell’industria alimentare. Stefania Iametti, professoressa di Biochimica Generale del Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l'Ambiente, Università degli Studi di Milano ha illustrato i metodi di analisi: “I metodi a risposta rapida oggi più diffusi sono gli enzimatici, gli immunochimici e i molecolari. Tali metodiche vengono utilizzate direttamente in azienda, senza l’ausilio di apparecchiature complesse e di personale altamente specializzato. Le finalità nell’utilizzo sono diverse. Ricordiamo a titolo di esempio, la determinazione di patogeni negli alimenti, la rilevazione di sostanze allergeniche nelle preparazioni alimentari, la valutazione del livello di igiene di una superficie a contatto con gli alimenti. Nella scelta della metodica è importante considerare alcuni aspetti essenziali legati alla matrice, come il tipo di trattamento subito dall’alimento nel corso del processo produttivo, la possibile presenza di interferenti e l’eventuale difficoltà di preparazione del campione, in particolare per i metodi molecolari”.

Enrico Veschetti, del Reparto di Igiene delle Acque Interne, Istituto Superiore di Sanità ha parlato delle acque destinate al consumo umano: “Gli standard relativi all’acqua potabile sono stabiliti dalla Direttiva 98/83/CE per tutelare la salute pubblica dagli effetti negativi derivanti dalla contaminazione delle acque destinate al consumo umano. Dall’analisi dei dati raccolti in Italia tra il 2011 e il 2013 sulla qualità dell’acqua in distribuzione è emerso un tasso medio di conformità superiore al 99,5%. L’acqua è sottoposta a monitoraggio e valutazione della qualità da parte delle Autorità preposte attraverso un piano di sicurezza che estende la valutazione del rischio a ciascuna fase della filiera idrica, dalla captazione all’utente finale, per garantire la protezione dell’acqua e la prevenzione dalle principali contaminazioni”.

Fabio Masotti, del Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l'Ambiente, Università Milano ha approfondito l’importanza della sanificazione nell’industria alimentare: “Per garantire l’ottenimento delle condizioni igieniche richieste dall’industria alimentare è necessario attuare tre fasi fondamentali: l’individuazione e la prevenzione delle fonti di contaminazione, lo svolgimento delle operazioni di sanificazione, la verifica del risultato. Nella scelta di un prodotto chimico è fondamentale considerare la tipologia di sporco che si intende attaccare, ma anche il substrato su cui si trova. Per valutare l’efficacia di un piano di sanificazione è possibile utilizzare i metodi microbiologico, bioluminometrico e chimico. La scelta di uno o dell’altro dipende da diversi fattori come, ad esempio, la necessità di avere una risposta rapida o di svolgere direttamente in azienda le verifiche sulle superfici a contatto con gli alimenti”.

Hanno completato la sessione plenaria dei brevi interventi sui temi di studio a cura di Tecna, Generon, R-Biopharm e 3M.

Nel pomeriggio, dopo il pranzo conviviale, si sono tenute le presentazioni pratiche delle aziende espositrici. Synlab si è focalizzata sul trasporto del campione nel settore alimentare e ambientale come step di preanalitica. 3M ha presentato le piastre pronte 3M Petrifilm per le analisi microbiologiche, il sistema MDS per l’analisi dei patogeni, il bioluminometro 3M Clean-Trace e i test rapidi per l’analisi degli allergeni. Generon ha mostrato i test rapidi per la determinazione simultanea dei principali contaminanti del latte: il BenchTop Reader che permette il monitoraggio delle contaminazioni da Aflatossina M1 (AFM1) e delle principali classi di antibiotici nel latte. Merck ha presentato lo strumento MVP ICON® con cui è possibile monitorare e gestire il programma di igiene e sanificazione per la prevenzione della contaminazione dei prodotti alimentari. R-Biopharm ha illustrato l’innovativa RIDA®SMART APP che offre la possibilità di avere risultati quantitativi e affidabili dei test a flusso laterale (LFD) della linea RIDA®QUICK per l’analisi di micotossine utilizzando uno smartphone. Tecna ha mostrato Myco, un microarray per la determinazione quantitativa delle micotossine basato sulla tecnologia ELISA. L'azienda ha sviluppato un saggio array per l’analisi simultanea di aflatossina B1, fumonisina, zearalenone, deossinivalenolo e tossina T2 nei cereali. Or Sell ha presentato EnSURE™ Touch che permette facili e rapidi controlli della pulizia delle superfici di lavoro (rilevazione di ATP, microorganismi, enzimi), e GlutenTox®Pro che determina la presenza di glutine in alimenti e bevande, in acque di lavaggio e superfici.

I corsisti hanno apprezzato la giornata di studio: “Ho trovato il tema interessante e pieno di spunti operativi per il tecnico di laboratorio, che deve valutare come impostare un'analisi su un prodotto alimentare partendo dalla matrice e dal processo di produzione che l'alimento ha subito”, ha commentato una Tecnologa Alimentare presente al convegno.

Il successo dell’edizione 2019 è una conferma dell’interesse nei confronti del convegno che unisce la teoria della sessione plenaria alla pratica delle presentazioni consentendo così un aggiornamento puntuale e costante sul tema della sicurezza alimentare.
Appuntamento a settembre 2020.


Condividi su: