Sicurezza alimentare: nell'UE la valutazione del rischio è affidabile?

Sicurezza alimentare: nell'UE la valutazione del rischio è affidabile?

Dopo la vexata quaestio glifosato, la Commissione europea apre una consultazione pubblica sulla trasparenza e l'indipendenza della valutazione del rischio nell'Unione

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Gennaio
2018

La Commissione europea ha dato il via a una consultazione pubblica sulla trasparenza e l’indipendenza delle valutazioni dei rischi e degli studi scientifici, basata anche sulla valutazione in atto della legislazione alimentare. 

La consultazione è stata avviata anche in seguito all’iniziativa dei cittadini europei (ECI) sul glifosato, registrata il 25/1/2017 (al momento 1.070.865 firmatari) con la quale "si invita la Commissione europea a proporre agli Stati membri l'introduzione di un divieto di utilizzare glifosato, a riformare la procedura di approvazione dei pesticidi e a fissare obiettivi di riduzione obbligatori al livello dell'UE per quanto riguarda l'uso dei pesticidi".
Il Commisario per la Salute e la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis ha affermato:

"La Commissione rispetta l’impegno assunto in risposta all’ECI e ha avviato un processo volto ad accrescere la fiducia nelle valutazioni scientifiche dell’UE nel campo della sicurezza alimentare. Invito tutte le parti interessate (Ong, operatori del settore e autorità pubbliche) a partecipare alla consultazione. Ciò consentirà alla Commissione di presentare questa primavera, come promesso, una proposta legislativa che affronti il problema, che rafforzi il modello di governance dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e sostenga l’eccellenza a lungo termine della sua capacità scientifica".

La consultazione resterà aperta fino al 20 marzo 2018.


Condividi su: