San Benedetto twist&drink, il tappo rimane alla bottiglia

San Benedetto twist&drink, il tappo rimane alla bottiglia

L’azienda veneta, in accordo con la direttiva europea 2019/904, lancia sul mercato le bottiglie d’acqua minerale con il nuovo tappo che non si disperde nell'ambiente

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

25

Marzo
2020

Acqua Minerale San Benedetto lancia una bella novità green nel mercato del beverage analcolico, il tappo Twist&Drink, legato alla bottiglia così da non disperderlo nell’ambiente.

"Si tratta di una novità sostenibile studiata dal reparto ricerca e sviluppo interno all’azienda con cui abbiamo anticipato la direttiva europea 2019/904 che richiede l’obbligo del tappo attaccato alla bottiglia a partire dal 2024 - dichiara Enrico Zoppas, Presidente e AD del Gruppo Acqua Minerale San Benedetto Spa -. Questa novità verrà lanciata in anteprima sul formato da 0,5L della linea Ecogreen, la linea di prodotti con il 100% di emissioni di CO2 eq. compensate attraverso l’acquisto di crediti per finanziare progetti di riduzione dei gas effetto serra e realizzata con fino al 50% di plastica riciclata, il massimo previsto dalla normativa vigente in Italia".

L’etichetta della bottiglia racconterà al consumatore il funzionamento e lo scopo del nuovo tappo anche attraverso un QR Code, collegato a una landing page dedicata, che mostrerà all’utente un video esplicativo.

Gruppo Acqua Minerale San Benedetto spa
Nata nel 1956, Acqua Minerale San Benedetto Spa è presente in cento Paesi nei cinque continenti ed è il primo player in Italia del beverage analcolico (fonte GlobalData 2019, dati 2018). San Benedetto opera in tutti i segmenti del mercato di riferimento, dalle acque minerali (San Benedetto, Antica Fonte della Salute, Acqua di Nepi, Guizza Pura di Roccia e Cutolo Rionero Fonte Atella) a quelle addizionate (Aquavitamin e San Benedetto Ice Formula Zero), dalle bibite gassate (San Benedetto, Amor Mio e Schweppes) al thè (San Benedetto e Guizza) e ai prodotti per bambini (San Benedetto Baby), dagli sport drink (Energade), alle acque toniche (Schweppes) fino alle bibite piatte a base di succo (San Benedetto Succoso e Tel Quel) e agli aperitivi (Ben’s, Ginger Spritz e Schweppes). 
Fonte GlobalData 2019, dati 2018.

Condividi su: