SabMiller è di Ab InBev: fusione da 104 miliardi di dollari

SabMiller è di Ab InBev: fusione da 104 miliardi di dollari

Tanto ha offerto la multinazionale belga per acquisire il concorrente inglese dopo due tentativi di Opa respinti

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

13

Ottobre
2015

C'è l'accordo fra SabMiller e Ab InBev: il colosso della birra, nato nel 2008 dalla fusione tra il gigante belga InBev e quello americano Anheuser-Busch, dopo il terzo rilancio, ha ottenuto il via libera per l'acquisizione del secondo più grande produttore di birra a livello mondiale.
Grazie a un'offerta di 68 miliardi di sterline (104 miliardi di dollari) nasce una company che produrrà un terzo dei boccali bevuti ogni giorno nel mondo.

Sab Miller è quotata alla borsa di Londra e si è espansa rapidamente dalle sue origini sudafricane, acquistando marchi locali e produzioni in Europa, Asia e nelle Americhe

Ab InBev già possiede tramite le sue controllate oltre duecento marchi di birra, tra cui Budweiser, Beck's, Corona e Stella Artois.
Si tratta di un matrimonio che vale 64 miliardi di dollari di ricavi e un Ebitda da 24 miliardi di dollari.


Condividi su: