Riso italiano: c'è l'accordo per le esportazioni in Cina

Riso italiano: c'è l'accordo per le esportazioni in Cina

È stato firmato a Pechino l'accordo tra Italia e Cina sui requisiti fitosanitari da rispettare per l'esportazione di riso italiano

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

08

Aprile
2020

È stato firmato oggi, fra il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, rappresentato dall'ambasciatore italiano in Cina, Luca Ferrari, e l'Amministrazione generale delle Dogane della Repubblica popolare cinese, il protocollo che consente l'esportazione in Cina di riso da risotto.

Il negoziato diplomatico e tecnico, andato avanti per anni con il coinvolgimento del Servizio fitosanitario nazionale, è stato condotto insieme all’Ente Nazionale Risi e alle rappresentanze dei risicoltori e delle imprese risiere italiane.

"È un accordo rilevante a cui tenevamo in modo particolare - sottolinea la Ministra Teresa Bellanova - che stabilisce i requisiti fitosanitari da soddisfare per esportare riso da risotto italiano in Cina e consente, di fatto, l'apertura di questo importantissimo mercato per un prodotto di punta della nostra agricoltura."

Con le oltre 200 varietà iscritte al registro nazionale, ognuna con le proprie peculiarità, l'Italia è leader del settore nell'Unione europea, assicurando oltre il 50% della produzione di riso europeo.
Il riso italiano si distingue da quello coltivato nel resto del mondo grazie a varietà tipiche e apprezzatissime come il Carnaroli, l'Arborio, il Vialone Nano, il S. Andrea e il Baldo. Produzioni di eccellenza, valorizzate anche grazie ai marchi DOP e IGP.

“L’Ente Nazionale Risi, dall’origine del dossier, ha contribuito, attraverso il proprio Centro Ricerche sul Riso, al superamento delle problematiche fitopatologiche evidenziate dalla delegazione cinese durante le visite in Italia" - ha dichiarato il presidente dell'Ente, Paolo Carrà.


Condividi su: