Prezzi record per gli ortaggi

Prezzi record per gli ortaggi

A gennaio gli incrementi su base annua hanno raggiunto punte del 116%. Il gelo ha ridotto le quantità commercializzabili sia delle verdure a pieno campo sia di quelle in serra

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Febbraio
2019

Le temperature rigide e le nevicate che hanno interessato principalmente gli areali del centro-sud nelle ultime settimane hanno prodotto un'escalation dei prezzi all'origine per tutti gli ortaggi, a causa di una forte contrazione dell'offerta. È quanto emerge dalle rilevazioni dell' ISMEA sull'andamento dei prezzi dei prodotti agricoli.
Ad essere interessati dai rincari sono sia gli ortaggi coltivati in pieno campo sia i prodotti in serra, che nel caso di strutture non riscaldate risultano comunque sensibili al calo delle temperature.

Mediamente nel mese di gennaio si sono registrati incrementi del 90% su base annua per cavolfiori, dell'82% per l'indivia, del 63% per le lattughe, del 59% per i carciofi e del 116 % per i finocchi. 

Un aumento dei prezzi è stato rilevato anche per i prodotti di serra, in particolare cetrioli, zucchine e melanzane, dove l'abbassamento delle temperature ha portato al ridotto accrescimento dei frutti ortivi, con conseguente riduzione dei quantitativi commercializzati.


Condividi su: