PNR dei prodotti di origine animale

PNR dei prodotti di origine animale

Nel 2018 è risultato non conforme ai parametri di legge l'1,8% dei campioni analizzati nell'ambito del Piano Nazionale Residui

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

08

Ottobre
2019

Il Piano Nazionale Residui viene predisposto annualmente dal Ministero della Salute sulla base delle indicazioni previste dalle norme europee e viene attuato a livello locale grazie alla collaborazione delle Autorità competenti regionali e locali, dei Laboratori nazionali di riferimento e degli Istituti zooprofilattici sperimentali. Oggetto di indagine sono i prodotti di origine animale, in cui vengono ricercate le sostanze farmacologicamente attive autorizzate nei medicinali veterinari, le sostanze vietate (come quelle ad effetto anabolizzante) e i contaminanti ambientali.

Nell’ambito dell’intera attività del Piano Nazionale Residui, nel 2018 sono stati prelevati 32.893 campioni, per un totale di 325.390 determinazioni analitiche ripartiti come indicato nella Tabella 2 e nel Grafico 1

Nell’ambito dell’intera attività, sono stati riscontrati 81 campioni non conformi, così ripartiti (Tabella 4):

Trattandosi di non conformità riscontrate in attività con strategie di campionamento differenti, non è possibile sommarle tra loro e raffrontarle con il numero totale di campioni prelevati, ma devono essere raffrontate singolarmente con i campioni prelevati nell’ambito di ogni singola attività.

In attuazione del Piano mirato, che prevede una pianificazione centrale del numero di campionamenti per assicurare il rispetto dei requisiti minimi comunitari, nel 2018 sono stati prelevati in totale 29.377 campioni analizzati sia per sostanze del gruppo A - Sostanze vietate e non autorizzate (41,8%), che per sostanze del gruppo B - Medicinali autorizzati e contaminanti (67,2%)

Nel 2018 i campioni che, nell’ambito del Piano mirato, hanno fornito risultati irregolari per la presenza di residui sono stati complessivamente 26, pari allo 0,1% del totale dei campioni prelevati. Dei 26 campioni risultati non conformi:

  • 2 sono risultati non conformi per la presenza di residui appartenenti alla categoria A
  • 24 per il riscontro di residui di sostanze della categoria B.

Non è possibile fare un raffronto tra i dati di attuazione del PNR 2018 e quelli degli anni precedenti per ciò che riguarda il numero di campioni, considerato il differente sistema di conteggio adottato. È possibile invece effettuare il confronto con il numero delle determinazioni analitiche relative all’anno passato: rispetto al 2017, nel 2018 si riscontra un aumento del numero delle determinazioni analitiche (325.383 nel 2018 contro le 303.028 del 2017. Dettaglio per il 2017: Piano Mirato: 230.362, Extrapiano: 43.218, Sospetto: 29.448).

Piano nazionale per la ricerca dei residui - Relazione finale - anno 2018


Condividi su: