"Planted chicken": la carne di pollo prodotta con proteine vegetali

La start up che intende lanciarla sul mercato è del Politecnico di Zurigo. La tecnologia utilizzata può "imitare" potenzialmente diversi tipi di carne

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

10

Luglio
2019

Carne di pollo coltivata. Si chiama "Planted chicken" e l'ha prodotta una start up del Politecnico di Zurigo basandosi su un mix di proteine derivate dalla farina di piselli: è di colore bianco e somiglia al petto di pollo affettato.

Il progetto, di Lukas Böni, Pascal Bieri, Eric Stirnemann fondatori della start up Planted, nasce con l'intento di fornire una carne a base vegetale che sia un'alternativa alla carne prodotta dagli allevamenti intensivi.
"A motivarci - ha rilevato Böni - non sono gli imperativi ideologici, ma quelli ecologici". Questo perché la produzione di carne genera circa il 18% dei gas serra globali, richiede grandi quantità di acqua, terra e foraggi, comporta un uso eccessivo di fertilizzanti. "Ecco perché - ha aggiunto - vogliamo offrire ai consumatori un sostituto della carne che sia rispettoso dell'ambiente e amico degli animali. Un prodotto che soddisfi anche la dimensione culturale del consumo di carne, cioè che piaccia al palato".

Tutto è nato da un progetto sulla rapa che Lukas Böni, ora trentenne, realizzò quando studiava scienze alimentari al Politecnico di Zurigo. In quell'occasione notò che le proteine della rapa hanno la forma di lunghi filamenti e che, se schiacciate, le rape formano un purè che può assorbire grandi quantità di acqua. In questo modo il purè ottenuto somiglia alla carne, che è essenzialmente fibre proteiche e acqua.

Ispirato da questo, Böni ha mescolato una farina di proteine di piselli con acqua creando un impasto simile a quello della pasta. Quindi lo ha cotto e poi pressato conferendo all'impasto una struttura fibrosa. "Per ottenere le caratteristiche fibrose della carne di pollo - ha detto - dobbiamo controllare le proprietà del flusso dell'impasto quando viene pressato".

La tecnologia permette di regolare le lunghezze delle fibre delle proteine e, secondo l'esperto, grazie a questa caratteristica potrebbe essere potenzialmente possibile imitare vari tipi di carne animale, dal manzo fino al pesce.

planted.ch


Condividi su: