Pesca illegale: Microsoft testa SkyLight

Pesca illegale: Microsoft testa SkyLight

Il co-fondatore della casa di Redmond, Paul Allen, ha investito 40 milioni di dollari per realizzare un software in grado di identificare i natanti abusivi

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

09

Ottobre
2017

Insieme a Bill Gates aveva fondato nel 1975 la Microsoft e, come lui, nel 2000, ha abbandonato ogni incarico direttivo e si è dimesso dal CdA, pur restando azionista della società.
Da grande amante della natura, è molto preoccupato per la pesca illegale che impoverisce tutti i mari; per questo ha deciso di impiegare 40 milioni di dollari per sviluppare un sistema che utilizza immagini satellitari e software di analisi dei dati in modo da aiutare i Paesi a individuare e catturare barche da pesca senza licenza.

Il sistema si chiamerà SkyLight, ed è in fase di test nelle acque dell'isola Palau nel Pacifico e al largo del Gabon e sarà disponibile per la metà del 2018.


Condividi su: