Perugina, accordo raggiunto senza licenziamenti

Perugina, accordo raggiunto senza licenziamenti

Lo annuncia Nestlè in una nota: la vertenza riguardante lo stabilimento di San Sisto è stata chiusa grazie ad un accordo che prevede un piano sociale per 20milioni di euro

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

23

Maggio
2018

Intesa raggiunta per la Perugina: l'accordo di conclusione della vertenza riguardante lo stabilimento di San Sisto è stato firmato presso la sede di Confindustria Umbria, con le organizzazioni sindacali, le RSU di fabbrica, Nestlè Italia e Perugina: non sono previsti licenziamenti.

"La vertenza si conclude positivamente riuscendo a conseguire il riequilibrio occupazionale indispensabile per rendere sostenibile e competitivo lo stabilimento di San Sisto e, nello stesso tempo, a evitare licenziamenti attraverso un piano sociale del valore di circa 20 milioni di euro che ha permesso di offrire un'opportunità a ciascuno dei 364 lavoratori coinvolti nella riorganizzazione - spiega l'azienda - Perugina a San Sisto continuerà a dare lavoro a 613 persone a tempo indeterminato, ai quali si aggiungono i lavoratori stagionali necessari per far fronte ai periodi di picco produttivo. Sono già programmate riunioni periodiche per monitorare l'andamento del piano industriale per lo sviluppo di Perugina in Italia e all'estero soprattutto con l'export di Baci, pralina simbolo del made in Italy nel mondo".


Condividi su: