Perdita biodiversità: 3 italiani su 4 se ne preoccupano

Perdita biodiversità: 3 italiani su 4 se ne preoccupano

Lo afferma l'ultimo Osservatorio Waste Watcher pubblicato in occasione della Giornata Mondiale dell'Ambiente. La Dieta Mediterranea rappresenta un baluardo per la biodiversità

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Giugno
2020

Il 5 giugno di ogni anno ricorre la Giornata Mondiale dell'Ambiente promossa dalla Nazioni Unite. Per celebrarla diamo uno sguardo all'ultimo rapporto Waste Watcher e scopriamo che tre italiani su quattro (il 77%) si dicono preoccupati per la perdita della biodiversità, l'83% ha notato che nei mesi del lockdown l’aria è diventata più respirabile, uno su sette che mare, fiumi e laghi erano meno inquinati e il 60% che in cielo volavano più uccelli. E ora si dice pronto a cambiare, ridurre consumi e rifiuti, dal cibo all'acqua, a pedalare e andare a piedi invece di guidare per salvare la biodiversità. Il nuovo Rapporto #Biodiversità, I care 2020 dell'Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market/SWG è stato diffuso oggi da Fondazione Fico e Campagna Spreco Zero proprio perché la Giornata Mondiale dell'Ambiente è dedicata quest'anno alla Biodiversità.

"La parola ambiente - spiega il fondatore della campagna Spreco Zero Andrea Segrè, presidente di Fondazione FICO - esce da qualsiasi concetto astratto ed entra con prepotenza nella hit delle priorità di vita: ben sette italiani su dieci (68%), infatti, dimostrano di saper correttamente definire la biodiversità come una molteplicità di specie animali, vegetali e microorganismi e con altrettanta precisione quattro italiani su dieci mettono in collegamento la perdità di biodiversità e l'alterazione degli equilibri ed ecosistemi a conseguenze rilevanti se non addirittura catastrofiche per l'abitabilità terrestre, come la pandemia Covid-19".
Il 37% degli italiani manifesta "moderata preoccupazione" per la "perdita di natura". Solo un italiano su dieci (9%) ritiene che non valga la pena preoccuparsi, e che la diminuzione di biodiversità sia fisiologica al progresso.

Secondo un italiano su due (50%) sono necessari e urgenti prodotti e detersivi a basso impatto ambientale, mentre per il 42% degli intervistati la strada è privilegiare la varietà di prodotti agroalimentari del territorio. Per il 63% degli intervistati, la Dieta Mediterranea è lo stile alimentare più rappresentativo della biodiversità.

Un italiano su due (53%) si dichiara in prima linea nella raccolta differenziata e sempre il 50% degli intervistati ritiene si debba guardare innanzitutto alla prevenzione dello spreco alimentare.

Quattro intervistati su dieci (40%) sono disponibili a ridurre i propri consumi idrici ed energetici, e quasi altrettanti (37%) ad effettuare i piccoli spostamenti a piedi, in bicicletta, in monopattino.
Meno gradite altre tipologie di impegno sostenibile: la dotazione di pannelli solari, indicata solo da un intervistato su quattro (25%) o l'acquisto di auto elettriche (20%). Solo un italiano su dieci (12%) si dichiara disposto a ridurre i viaggi in aereo.
Il 13% infine ritiene che i suoi comportamenti siano già sufficientemente sostenibili.


Condividi su: