Paura dei dazi al 100%

Paura dei dazi al 100%

Il settore vitivinicolo teme una nuova lista di prodotti colpiti da restrizioni all'import da parte del governo Trump. UIV ha attivato importanti campagne di comunicazione e lobbying negli USA

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

10

Gennaio
2020

Si conclude il 13 gennaio la consultazione avviata dal Dipartimento del Commercio americano (USTR) con la pubblicazione di una lista di prodotti che potrebbero essere colpiti da nuovi dazi, fino al 100% del valore della merce. L'elenco contiene numerosi prodotti vitivinicoli di tutti gli Stati membri, Italia compresa. Lo ricorda il presidente di Unione Italiana Vini Ernesto Abbona nel sottolineare che "in questo scenario di estrema incertezza l'UIV ha agito da subito presso le istituzioni nazionali ed europee sollecitando un dialogo attivo con i nostri partner americani, per scongiurare un danno enorme e ingiustificato nei confronti del mondo del vino italiano".
"La tutela del business e dei posti di lavoro in America dei soggetti che oggi importano i nostri vini e hanno investito nei nostri brand - sostiene Abbona - è uno degli argomenti che potrebbe convincere il governo di Trump a esonerare il nostro settore e il nostro Paese da eventuali misure". Da qui l'appello a aderire alla consultazione pubblica che deciderà le sorti dei prodotti vitivinicoli italiani.

Comunicazione e lobbying negli USA

Per favorire la mobilitazione del Vigneto Italia - importatori, distributori, ristoratori e addetti ai lavori - nella consultazione pubblica USA che deciderà le sorti dei prodotti vitivinicoli italiani, UIV annuncia di aver destinato un importante investimento economico in una campagna di comunicazione social, in coordinamento con gli importatori delle nostre aziende, verso i consumatori americani e gli operatori della filiera (ristorazione, distribuzione ecc.), affinché partecipino alla public consultation, facendo sentire la propria voce all'Amministrazione Usa.
In collaborazione con gli stessi importatori e NABI, la loro associazione di rappresentanza, UIV sta, inoltre, coordinando una azione di lobbying verso il Congresso.
"UIV si sta fortemente mobilitando direttamente con gli importatori americani, supportati anche dall'Ambasciata d'Italia a Washington, che ringraziamo, per un'azione di coordinamento con i soggetti che verrebbero direttamente danneggiati dalle misure del governo americano. A oggi - puntualizza Paolo Castelletti, segretario generale UIV - le osservazioni arrivate al Dipartimento sono circa 12.000: un numero ancora troppo basso. Quindi bisogna agire subito. L'imposizione di un dazio al 100%, metterebbe completamente fuori mercato i vini italiani con conseguenze disastrose per le imprese, i viticoltori, i territori".

Giuseppi cosa fa?

Gli Stati Uniti sono la prima destinazione, in volume e in valore, delle vendite di vino italiano, circa 1,5 miliardi di euro, corrispondenti a oltre 3,3 milioni di ettolitri. "Chiediamo pertanto - conclude Castelletti - a corredo di un impegno concreto delle associazioni e delle aziende, un'azione diplomatica forte del Governo, appellandoci alla sensibilità e al senso di responsabilità del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dei ministri Di Maio e Bellanova: il settore del vino italiano non può essere chiamato a pagare il prezzo altissimo di una guerra commerciale che potrebbe compromettere irrimediabilmente l'equilibrio della filiera. Nessuna misura di sostegno al settore potrà compensare le gravissime perdite di quote di mercato che potremmo subire".

"Io credo che dobbiamo trovare il modo per garantire i nostri produttori, le eccellenze vinicole, in modo che non vengano applicati i dazi alla nostra produzione, stiamo lavorando in questo senso". Così il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ospite di Porta a Porta in onda su Rai Uno, parlando proprio del rischio dei dazi USA.


Condividi su: