Pasta: exploit di integrale e bio

Pasta: exploit di integrale e bio

In occasione del "World Pasta Day" Aidepi rende noti i dati del comparto: nel mondo 1 piatto su 4 di questo alimento è made in Italy

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Ottobre
2018

Per celebrare la ventesima edizione della Giornata Mondiale della Pasta, l'Associazione delle industrie del Dolce e della Pasta Italiane ha raccontato un comparto che ha visto l'export raddoppiare in 20 anni. Il 25 ottobre, appunto, sono simbolicamente 200 i Paesi nel mondo dove si consuma la pasta tricolore e 1 piatto su 4 a livello globale è made in Italy: la tipologia più consumata è quella di semola di grano duro, il formato più amato gli spaghetti. Inoltre, in 20 anni sono raddoppiate le esportazioni, passate da 740mila a 2 milioni di tonnellate.

La tendenza favorevole continua a crescere anche nei primi sette mesi del 2018. In Germania, Regno Unito, Francia, Stati Uniti, prime quattro destinazioni dell'export di pasta, la crescita media è dell'8%, con punte dell'11% in Francia.
Exploit anche in Russia dove la percentuale sale a +72,5%, per un totale di 20mila tonnellate, vicina alla quota dell'export totale del 2017 di 23mila tonnellate.

Quanto ai consumi interni di pasta, Aidepi ricorda che l'Italia è leader con 23 kg procapite l'anno; la mangia il 99% della popolazione in media circa cinque volte a settimana, per il 46% è l'alimento preferito per ragioni di gusto o di salute.

Parilamo di un settore che accanto alla tradizione sa innovarsi, con le tipologie legate a benessere e salute, come le paste integrale, biologica, senza glutine o con l'aggiunta di ingredienti come legumi, spezie e superfood. O quella a rapida cottura, pronta in 4 minuti senza essere precotta, ottenuta con particolari tecniche di lavorazione, più ricca d'acqua rispetto alla pasta comune che, a parità di peso, fornisce anche meno calorie. Non è un caso che le varianti di pasta bio, senza glutine, kamut, farro o con semole speciali sono cresciute del 12%, con punte del 18% nel caso della pasta integrale.

"In un mercato sempre più competitivo, con nuovi e più aggressivi concorrenti - spiega il segretario generale dei pastai di Aidepi, Luigi Cristiano Laurenza - possiamo vincere solo puntando sulla qualità e sull'innovazione".

L’edizione 2018 del World Pasta Day si tiene a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, dove il consumo di pasta è cresciuto del 33% negli ultimi cinque anni.


Condividi su: