Pasta e pane bio, trovato l'accordo di filiera

Pasta e pane bio, trovato l'accordo di filiera

L'intesa vale tre anni, con possibile proroga di due, ed è stata firmata da Coldiretti, Consorzi agrari d'Italia, FDAI e Gruppo Casillo. Prevede la fornitura di 300 milioni di kg di grano duro per la pasta e 300 milioni di kg di grano tenero per la panificazione

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

08

Maggio
2018

In Italia è stato firmato un maxi accordo di filiera sul grano biologico tra Coldiretti, Consorzi Agrari d'Italia, FDAI (Firmato Dagli Agricoltori Italiani) e Gruppo Casillo1 che prevede la fornitura di 300 milioni di chili di grano duro biologico destinato alla filiera della pasta e 300 milioni di chili di grano tenero all'anno per la panificazione.
L'intesa ha una durata di tre anni con la possibilità di una proroga per altri due, per un totale di cinque anni.
Lo ha annunciato a Parma, durante Cibus, il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo.

Moncalvo ha sottolineato che l'accordo rafforza la leadership dell'Italia in Europa nel numero di imprese che coltivano biologico con 72.154 operatori e 1.796.363 ettari, con un aumento del 20% su base annua.
Secondo un'indagine Coldiretti/Ixe' "la crescita della domanda ha spinto l'aumento delle produzioni biologiche. Tra le colture con maggiore incremento ci sono proprio i cereali (+32,6%) mentre a livello territoriale la maggiore estensione delle superfici bio è registrata in Sicilia con 363.639 ettari, cui seguono la Puglia con 255.831 ettari e la Calabria con 204.428 ettari. Si tratta di una garanzia anche per sei italiani su dieci (60%) che nel 2017 hanno acquistato almeno qualche volta prodotti biologici".
    Attualmente, riferisce la Coldiretti, l'Italia produce 4,3 milioni di grano duro su una superficie di un milione e 350mila ettari di coltivazioni con 1,74 milioni di tonnellate importate dall'estero delle quali 0,44 dall'Unione europea e 1,3 milioni da Paesi extracomunitari a partire dal Canada.
Lungo la Penisola, ha concluso Moncalvo "per una giusta remunerazione del proprio lavoro, gli agricoltori sono pronti ad aumentare la produzione di grano in Italia".

1. Il Gruppo Casillo è leader mondiale nell’acquisto, trasformazione e commercializzazione del grano, anche grazie all’attività di trading, svolta attraverso la controllata Casillo Commodities Italia Spa.
La controllata Molino Casillo si occupa della produzione della semola e della sua commercializzazione a livello industriale: tra i propri clienti nomi come Barilla, Granoro, Garofalo, Pasta Zara e molti altri.
Selezione Casillo è la società che commercializza sfarinati confezionati in sacco, destinati al mercato dei panificatori, pasticceri, laboratori artigianali e anche alla grande distribuzione.

Condividi su: