Pasta. Aumenta ancora la produzione, diminuisce il giro d'affari

Pasta. Aumenta ancora la produzione, diminuisce il giro d'affari

L'Italia conferma il suo primato. Siamo i primi produttori al mondo di pasta (+1,6%). Bene l'export, in calo il giro d'affari. Svettiamo in Europa con i prodotti da forno (+1,4%)

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Luglio
2017

Il nostro Paese è il primo produttore mondiale di pasta con 3.324.636 tonnellate nel 2016 (+1,6%) e un fatturato di 4.748 milioni di euro (-1,1%). Nel 2016, sono i dati riassunti durante l'assemblea annuale di AIDEPI - Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta italiane, i produttori italiani hanno destinato quasi 1.900.000 tonnellate di pasta ai mercati esteri con un incremento del 3,4% dei volumi sull'anno precedente.

In leggera contrazione il valore esportato che ha raggiunto i 2.170 milioni di euro ma resta comunque alta la propensione export del settore e il fatturato realizzato fuori dai nostri confini ha rappresentato il 46% del valore totale generato. Anche l'industria dolciaria è in ripresa con 1.963.618 tonnellate prodotte (+1,4%) per un valore di 13.2011,1 milioni di euro (+0,8%). L'Italia, si legge in una nota, detiene il primato in ambito UE per la produzione di prodotti da forno, con oltre 1 milione di tonnellate prodotte (+1,4% sull'anno precedente) per un valore di ben oltre 5 miliardi di euro con un miglioramento del 2,8% sul 2015.

Il comparto che ha avuto il maggior incremento sul 2015 è stato tuttavia quello del cioccolato e prodotti a base di cacao, con una produzione di circa 520.000 tonnellate (+3,2% sul 2015) per un valore di quasi 5 miliardi di euro (+3,9% sul 2015).
Da segnalare inoltre il settore della confetteria con una produzione in ripresa di quasi 100 mila tonnellate (+1,8%) per un valore di oltre un miliardo di euro in rialzo dell'1% sul 2015.

Allargando lo sguardo, il fatturato delle oltre 450 aziende di Unione Italiana Food, che riunisce le forze di AIIPA e AIDEPI, vale oltre 35 miliardi di euro. "La nuova Associazione è la più grande organizzazione di categoria del settore alimentare a livello europeo e vanta un export superiore ai 10 miliardi. Tra gli obiettivi, c'è proprio il sostegno all'internazionalizzazione ed alla crescita dei prodotti italiani sui mercati di tutto il mondo" ricorda Paolo Barilla presidente dell'Associazione dell'Industria del Dolce e della Pasta Italiane, in occasione dell'assemblea annuale.


Condividi su: