Pane e olio, un matrimonio perfetto

Pane e olio, un matrimonio perfetto

L'accoppiata rappresenta, dal punto di vista nutrizionale e salutistico, la merenda perfetta. Per bambini e non solo. Ma negli ultimi anni sono calati i consumi sia di pane sia di olio

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

28

Novembre
2017

Pane e olio: una merenda semplice e gustosa, adatta ai bambini, ma non solo. La perfetta combinazione anche come base di un piatto unico, con l'aggiunta, ad esempio, degli omega 3 del pesce e dei micro-nutrienti del pomodoro. Si è parlato di questo durante un incontro organizzato da Assitol, Associazione italiana dell'industria olearia. "Per rilanciare l'extravergine, abbiamo pensato a un partner a nostro avviso altrettanto speciale: il pane - ha spiegato Angelo Cremonini, Presidente del Gruppo olio d'oliva di Assitol -. Questi due capisaldi della dieta mediterranea, coniugati in una merenda per tutte le ore e tutte le tasche, rappresentano un abbinamento gastronomico straordinario, anche grazie alla possibilità di spaziare tra gusti diversi, per il pane e per l'olio".

"È dimostrato dalle evidenze scientifiche che i due alimenti si migliorano a vicenda dal punto di vista nutrizionale. L'olio si accompagna benissimo al pane, riducendone l'indice glicemico, e in una dieta varia ed equilibrata, può rappresentare un ottima merenda per i bambini" ha spiegato Marco Silano, direttore dell'Unità Operativa Alimentazione Nutrizione e Salute dell'Istituto Superiore di Sanità.

In Italia esistono 200 tipi di pane, con 1500 varianti. Quello che i consumatori scelgono sempre più spesso è a base di materie prime selezionate e con un valore aggiunto salutistico. Ogni italiano ne mangia in media 85-90 grammi al giorno, con i consumi in calo rispetto a 20 anni fa, ma più curiosità e attenzione verso nuovi prodotti.
Anche per l'olio extravergine i consumi sono in calo: secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale, negli ultimi 20 anni si è passati da 13 kg procapite l'anno a 10,5. Ma questa coppia vincente va il più possibile recuperata.


Condividi su: