Pandemia: dal MinSal indicazioni sulla riprogrammazione dei controlli veterinari

Pandemia: dal MinSal indicazioni sulla riprogrammazione dei controlli veterinari

La DGSAF cerca di tenere conto delle difficoltà delle Regioni ma la Commissione europea ha chiesto di ripristinare i controlli in sanità pubblica veterinaria

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

17

Giugno
2020

La DGSAF del Ministero della Salute ha pubblicato una nota contenente le indicazioni utili alla riprogrammazione dei controlli per l’anno 2020 cercando di accogliere, per quanto possibile, le istanze pervenute dalle Regioni e Province Autonome, e tenuto conto che la Commissione europea, pur avendo ricevuto le richieste di alcuni Stati membri di prevedere una riduzione dei controlli ufficiali e delle altre attività ufficiali, vista la difficoltà di gestione dei sistemi di controllo, ha tuttavia confermato la necessità di un ripristino di tali attività.

La Direzione precisa che per quanto riguarda gli accertamenti per il benessere animale, al fine di agevolare il controllo ufficiale anche da remoto, in particolare nel settore suinicolo, dal 15 giugno 2020 in Classyfarm saranno disponibili ulteriori funzioni finalizzate alla verifica degli adempimenti previsti dal Piano triennale per la prevenzione della caudotomia da parte degli allevatori, per il tramite dei veterinari incaricati.

Nella rimodulazione dei controlli, specificati in un documento allegato alla nota, la DG elenca i fattori da tenere in considerazione che potrebbero condizionare il regolare proseguimento dei controlli stessi

  • Incertezza della situazione epidemiologica CoViD-19;
  • Disponibilità laboratoristica;
  • Possibilità di lavorare in sicurezza;
  • Eventuali altre emergenze e allerte che giocoforza dovranno essere gestite con le procedure determinate dalla situazione epidemiologica del momento.
  • Riduzione delle risorse umane disponibili perché impiegate in attività connesse al controllo della pandemia.

LA NOTA DELLA DGSAF


Condividi su: