PAC 2000A Conad, un fatturato di 3 miliardi

PAC 2000A Conad, un fatturato di 3 miliardi

Cresce del 6,24% il giro d'affari del Gruppo. 90 milioni l'utile netto, oltre 16 mila le risorse umane impiegate (368 addetti in più rispetto al 2016)

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

07

Giugno
2018

L'Assemblea di Bilancio della cooperativa PAC 2000A Conad ha presentato agli 881 soci i risultati del 2017 che si è chiuso con un fatturato consolidato di 3.015 milioni di euro (+6,24% rispetto al 2016), un patrimonio netto di 659 milioni di euro e un utile di 90 milioni di euro, confermando la leadership dell'insegna al Centro-Sud, con una quota di mercato del 23,92% in crescita di 1,32 punti percentuali (rielaborazione su dati GNLC II sem. 2017; quota Lazio in condivisione tra PAC 2000A e Conad del Tirreno su Roma e Viterbo).

Nelle quattro regioni in cui opera il Gruppo ha 1.181 punti vendita, per una superficie complessiva di 673.636 mq: 7 Conad Ipermercato, 66 Conad Superstore, 444 Conad, 314 Conad City, 114 Margherita, 3 store Sapori&Dintorni Conad e 233 discount Todis, questi ultimi distribuiti su tutto il territorio nazionale. la rete di vendita nel 2017 ha registrato 33 nuove aperture, producendo un fatturato pari a 4.167 milioni di euro (su canali iper, super e discount), di cui 4.025 milioni realizzati nelle regioni di competenza, con un incremento del 6,3% rispetto al 2016. Completano l'offerta distributori di carburante, parafarmacie, negozi di ottica e pet store.
Crescono anche le persone occupate nelle attività del Gruppo, che salgono a quota 16.081 (+2,34% rispetto al 2016, pari a 368 addetti in più).

PAC 2000A non ha lesinato le politiche promozionali che hanno garantito ai clienti un risparmio superiore al 30%, con picchi in Campania (35,2%) e in Calabria (32,3%).

Nel 2017 PAC 2000A ha investito in iniziative culturali, sportive e di solidarietà oltre 1,8 milioni di euro. Tra questi, circa 152 mila euro rappresentano il controvalore che la cooperativa ha riservato al recupero e alla redistribuzione di eccedenze alimentari - grazie alla collaborazione con l'Istituto Salesiano, la Comunità di Sant'Egidio e il Banco Alimentare - e oltre 596 mila l'investimento destinato a iniziative culturali e sportive.


Condividi su: