Oscar Green: le idee anti crisi

Oscar Green: le idee anti crisi

Sono state premiate in settimana le idee imprenditoriali giovani più interessanti e curiose della Lombardia, con la consegna degli Oscar Green 2017 della Coldiretti

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

09

Giugno
2017

Presso l'Acquario civico di Milano sono state premiate le aziende agricole più innovative alla presenza di Ettore Prandini, presidente Coldiretti Lombardia e vicepresidente nazionale di Coldiretti, Gianni Fava, assessore all’Agricoltura di Regione Lombardia, Stefano Ravizza, delegato Coldiretti Giovani Impresa Lombardia, Stefano Leporati, responsabile delle politiche economiche di Coldiretti, Ermes Sagula, responsabile CAA della Coldiretti Lombardia, Michele Pisante, vicepresidente della società italiana di agronomia.

Durante l'incontro è stato anche presentato il “Report 2017 sui giovani lombardi in agricoltura” con la mostra dei prodotti e delle innovazioni premiate con gli Oscar.

I premiati 2017 sono: Mattia Zordan, Martina Vicini, Edwin Koeman, Monica Neri, Stefano Chiesa e Singh Kulwinder. Ci sono poi tre menzioni speciali: Francesco Maroni di Bergamo, Elisa Cerrito di Garlasco (Pavia) ed Elisa Bonesi di Valdisotto (Sondrio).

Categoria We Green: dalla vigna alla bottiglia sui sentieri del bio
Mattia Zordan - Cascina Maddalena, Lugana di Sirmione (Brescia)

La cantina è tra le più piccole realtà vitivinicole della zona ed è gestita da Mattia e dalle sorelle Elisa e Elena. In  vigna sono banditi i diserbanti e per tutelare la biodiversità viene utilizzato il metodo della confusione sessuale, mentre il vino viene lavorato in modo naturale. Anche il packaging è eco friendly: il tappo in sughero difficilmente smaltibile è stato sostituito con il tappo a vite eicartoni delle confezioni sono “al naturale” . Eliminate le retro etichette, quelle principali sono oggi dedicate alla storia della famiglia.

Categoria Impresa 2.Terra: una stalla bionica per le mucche di Martina
Martina Vicini - Azienda “Cascina Martina”, Solbiate (Como)
Dal monitor del computer è possibile controllare il robot di mungitura che si prende cura delle 50 mucche in lattazione, dallo smartphone, grazie a un’applicazione si possono controllare tutti i parametri degli animali trasmessi al robot da un radio-collare. Durante la giornata l’impianto fotovoltaico sul tetto dell’azienda garantisce l’energia sufficiente per tutti i macchinari e alla seracon un click alla app si controlla se in stalla è tutto ok . Grazie alla tecnologia e a un alto livello di efficienza, Martina e sua mamma riescono a mandare avanti l’azienda con pochissimo sforzo fisico.

Categoria Campagna Amica: la prima oasi dei tulipani “pick your own”
Edwin Koeman - Tulipani Italiani, Cornaredo (Milano)
Ha inaugurato il primo giardino italiano di tulipani, aperto al pubblico 7 giorni su 7, dove la parola d’ordine è “pick your own” cioè “raccogli il tuo”. Al suo fianco la compagna Nitsuhe che, grazie anche all’aiuto di un gruppo di agricoltori della Coldiretti di Milano, Lodi, Monza e Brianza, lo ha aiutato nella semina e nella coltivazione di circa 250 mila fiori di oltre 180 varietà differenti, di cui 20mila da esposizione e 230 mila da raccolta. Grazie all’affluenza record di visitatori, i tulipani sono andati esauriti nel giro di due settimane. L’appuntamento ora è per la primavera 2018.

Categoria Fare Rete: la pasta proteica che nasce dai legumi
Monica Neri - Azienda “Itineri”, Albizzate (Varese)
La pasta che nasce dai legumi. Anzi, sembra pasta ma non lo è, perché è fatta soltanto con farina di ceci, fagioli bianchi e piselli gialli decorticati, tutti di provenienza al 100% da aziende agricole italiane. È quella prodotta con un’idea innovativa dall’azienda “Itineri” di Albizzate (Varese) e che incontra le nuove richieste alimentari dei consumatori di oggi. Infatti si tratta di un prodotto bilanciato a livello nutrizionale, che apporta tante proteine vegetali e fibre ma pochissimi carboidrati.

Categoria  Crea: l’eco vernice che nasce dalle bucce di pomodoro
Stefano Chiesa - Azienda “Chiesa Virginio”,  Canneto sull’Oglio (Mantova)
Si chiama cutina ed è la sostanza estratta dalle bucce di pomodoro per creare una nuova eco vernice. È questa l’idea realizzata da Stefano Chiesa presso la sua azienda agricola a Canneto sull’Oglio, nel Mantovano: “L’impianto pilota riesce a estrarre la cutina dalle bucce di pomodoro e dà un valore aggiunto a questo scarto, perché la cutina è la base di una vernice bio-vegetale unica al mondo”.

Categoria Agri You: la globalizzazione buona cresce nell’orto
Singh Kulwinder - Casalmaggiore (Cremona)
Singh Kulwinder, di origine indiana, coltiva prodotti per la cucina orientale che poi esporta in Gran Bretagna e Germania: “La mia azienda è aperta dal 2014 per la produzione di ortaggi tipici dell’Asia: Lady’s Finger (Gombo o Okra), Karela (melone amaro), peperoncini e altre verdure. L’Okra ha un  basso contenuto calorico, ma una buona percentuale di vitamine e fibre. Il Karela invece viene utilizzato come rimedio per il diabete nella medicina tradizionale”.

Menzione Speciale, Giovani Impresa: cocktail al siero di latte nel cheese bar all’italiana - Francesco Maroni - Bù Cheese Bar, Bergamo
Un nuovo modo di far conoscere e degustare i formaggi tipici del territorio e non solo. È la filosofia su cui si regge il “Bù Cheese Bar” a offrire ai clienti la possibilità di fare colazioni, pranzi, aperitivi e dopocena dove protagonisti sono una quarantina di formaggi differenti: nel locale è presente anche un mini caseificio a vista dove viene lavorato il latte per fare gli yogurt. Tra le curiosità che si possono assaggiare  anche drink a base di siero di latte.

Menzione speciale, Coldiretti Lombardia: il riscatto sociale sboccia tra i fiori - Elisa Bonesi - Il Vivaio, S. Lucia Valdisotto (Sondrio)
Fiori e piante, ortaggi e miele ma anche cura degli animali come strumenti di riscatto sociale per persone in difficoltà. È quello che succede tutti i giorni nell’azienda agricola Il Vivaio della Cooperativa sociale SO.LA.RE.S che si trova a Santa Lucia Valdisotto, in provincia di Sondrio. Qui diversi soggetti deboli, con storie difficili o con problematiche di vario tipo, trovano una possibilità di rilancio,

Menzione speciale, Campagna Amica, dalla Sicilia con amore per i ragazzi di Exodus - Elisa Cerrito - Azienda “Il melograno”, Garlasco (Pavia)
L'azienda agricola “Il Melograno” è nata fin da subito per essere una fattoria sociale e per valorizzare l’operato dei giovani ospiti delle comunità “Casa Daniela” e “Cascina Toledina” della Fondazione Exodus di don Antonio Mazzi. Elisa, insieme ai ragazzi di Exodus, produce ortaggi di stagione freschi e trasformati, erbe aromatiche e frutta. Nella fattoria didattica si allevano galline, oche, faraone, asini e capre, ed è stato appena avviato una linea di agri-bomboniere.


Condividi su: