Oro della terra

Oro della terra

"I golosi di tutte le epoche non hanno mai pronunciato il nome del tartufo senza portare la mano al cappello" A. D.

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

09

Luglio
2018

Ricetta per due persone
Difficoltà: media
Tempi di preparazione: 15 minuti
Tempi di cottura: 15 minuti

INGREDIENTI
160 g di tagliolini all’uovo
1 tartufo estivo scorzone (peso netto 80 g)
2 acciughe sotto sale
2 tuorli d’uovo a pasta gialla
50 ml di vino bianco secco
1 spicchio d’aglio di Nubia
100 g di burro fresco
sale q.b.
pepe bianco q.b.

PREPARAZIONE
Iniziare dalla pulizia del tartufo togliendo ogni residuo di terriccio, lavarlo e asciugarlo; tenere da parte in fresco.

Soffriggere l’aglio in olio extravergine d’oliva sino alla completa doratura e rimuoverlo. Far raffreddare completamente l’olio.

Porre le due acciughe ben lavate e dissalate nell’olio freddo e riposizionare la padella sul fuoco, fino a quando le acciughe non risultino completamente sciolte. Sfumare con il vino mantenendo la fiamma bassa.

Una volta spento il fuoco aggiungere 30 g di burro e far riposare.

Cuocere i tagliolini in acqua bollente poco salata e scolare molto al dente.
Continuare la cottura della pasta in padella mantecando con il composto precedentemente ottenuto.

Non appena viene raggiunta la giusta consistenza del tagliolino, togliere dal fuoco, spolverare con il pepe bianco e mantecare con i tuorli e il burro rimanente.

Impiattare creando un vortice su di un mestolo a coppa e adagiarlo su di un piatto piano.

Lamellare il tartufo sui tagliolini. Servire caldo.


RICETTA DI
Marco Polizzi


ABBINAMENTO VINO:
Chablis - Gilbert Picq et ses fils 2012.
Alla vista, giallo paglierino con sfumature verdolino.
Il naso si esprime su note complesse di frutta fresca, pesca bianca, e delicati fiori bianchi con forte traccia minerale.
Al palato il vino è espressivo:
sorso audace e minerale, si sviluppa con bella persistenza gustativa su aromi fruttati.
Chiude lungo e armonico.


Condividi su: