Omega 3, non è vero che fanno bene al cuore

Omega 3, non è vero che fanno bene al cuore

Un recente studio ha dimostrato che questa categoria di acidi grassi essenziali non svolgono nessuna azione preventiva sul rischio cardiovascolare

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

05

Febbraio
2018

Niente da fare, i grassi omega 3 (quelli ad esempio abbondanti nei legumi, nelle noci, nell'olio di soia e nei pesci come salmone, tonno e pesce azzurro) non hanno alcuna funzione protettiva per il cuore come sembravano suggerire alcune ricerche passate: la loro assunzione non riduce né il rischio di morte per eventi cardiovascolari, né il rischio di andare incontro a uno di questi eventi anche se dall'esito non fatale.
    Lo sentenzia un'ampia revisione (meta-analisi) di studi precedentemente pubblicati sull'argomento. Lo studio intitolato Associations of Omega-3 Fatty Acid Supplement Use With Cardiovascular Disease Risks, apparso sulla rivista JAMA Cardiology, esclude quindi un effetto protettivo per queste sostanze e conclude che non vi sono dati a supporto dell'utilità di assumere tali integratori per il cuore.
Lo studio è stato condotto da Robert Clarke, epidemiologo presso la University of Oxford.

L'analisi ha considerato un totale di 77.917 persone con problemi cardiovascolari o ad alto rischio di soffrirne, il 61% maschi, di età media 64 anni. Gli studi analizzati sono durati in media 4,4 anni e la dose di omega-3 considerata in ciascun lavoro va da un minimo di 226 a un massimo di 1.800 milligrammi al giorno. In nessun modo i dati di questi studi riesaminati lasciano intravedere la possibilità di ridurre il rischio di eventi cardiovascolari come l'infarto o di ridurre il rischio di morte per essi assumendo omega-3.
    L'associazione statunitense American Heart Association, fa notare Clarke, raccomanda l'uso di integratori di omega-3 a pazienti con malattia delle coronarie ma alla luce di questa analisi non vi sono dati a supporto di questa raccomandazione, conclude.


Condividi su: