Olio, grande ripresa. +89% al produzione

Olio, grande ripresa. +89% al produzione

CIA - Agricoltori Italiani stima la produzione italiana a 330.000 tonnellate. Nonostante la Xylella, la Puglia produrrà il 60% dell'extravergine d'oliva nazionale

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Ottobre
2019

Anche con il problema della Xylella è la Puglia, tolto il Salento, a trainare la ripresa della produzione di olio extravergine d'oliva italiano insieme alle regioni del Sud.

Il tacco d'Italia, dall'indagine degli osservatori di mercato di Cia - Agricoltori Italiani, Italia Olivicola e Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO), produrrà, nella campagna olearia 2019/2020, quasi il 60% dell'olio extravergine d'oliva nazionale con un +175% di crescita.

La produzione italiana è stimata complessivamente, a livello nazionale, superiore alle 330mila tonnellate di olio raddoppiando quasi (+89%) la produzione dello scorso anno, attestatasi intorno alle 175.000 tonnellate di prodotto. L'incremento produttivo pugliese è frutto dei territori olivicoli delle province di Bari, Barletta-Andria-Trani (BAT) e Foggia, zone falcidiate dalla gelata nel febbraio 2018.

Si conferma il trend negativo per il Salento, colpito, come noto, dal batterio Xylella e che registra, rispetto alla già negativa annata passata, un calo del 50% della produzione con meno di 3mila tonnellate


Condividi su: