Olio di palma sostenibile? L'Italia aderisce

Olio di palma sostenibile? L'Italia aderisce

Lo rende noto il Ministero dell'Ambiente che ha sottoscritto la Dichiarazione di Amsterdam: l'obiettivo "100%" è fissato per il 2020

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

07

Giugno
2017

Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha firmato The Amsterdam Declaration in Support of a Fully Sustainable Palm Oil Supply Chain by 2020 che, dal lontano 7 dicembre 2015, impegna i Paesi a promuovere l’impiego di olio di palma 100% sostenibile entro il 2020 e si appresta a comunicare l’adesione italiana agli organismi competenti. “Grandi aziende nazionali - ha detto il ministro - lavorano da tempo con responsabilità, ottenendo anche autorevoli certificazioni, perché il loro approvvigionamento di olio del frutto di palma avvenga in modo sostenibile. Ricordo che questo è stato anche uno degli argomenti più dibattuti del nostro Expo 2015 e che le stesse associazioni ambientaliste sostengono convintamente questa battaglia".

"Questa firma rappresenta un importante traguardo per il nostro Paese - ha commentato Giuseppe Allocca, Presidente dell'Unione Italiana per l'Olio di Palma Sostenibile - e un contributo concreto per la tutela dell'ambiente, visto che una coltivazione delle piantagioni non gestita correttamente rischia di incidere sui cambiamenti climatici. Questo accordo, inoltre, conferma ancora una volta che l'olio di palma sostenibile esiste e che bisogna puntare proprio sulla sostenibilità di questo ingrediente e non sul suo boicottaggio". "Un nuovo successo per quanti si battono per una sua produzione sostenibile dell'olio di palma - ha aggiunto Allocca - che segue la decisione di alcuni mesi fa dell'AGCM di considerare infondate le accuse contro le comunicazioni e la campagna a favore dell'olio di palma sostenibile promossa dall'Unione. In quella occasione, in particolare, erano stati ritenuti corretti i claim che citavano la sua coltivazione sostenibile aiuta a rispettare la natura e non presenta rischi per la salute in una dieta bilanciata".
A quel provvedimento si aggiunge la recente sentenza della Corte d'appello di Bruxelles sul caso Nutella contro Delheize, che ha dichiarato ingannevole il claim senza olio di palma perché lasciava intendere che il prodotto senza questo ingrediente presentasse migliori caratteristiche dal punto di vista nutrizionale e della tutela dell'ambiente.


Condividi su: