Obbligo stabilimento: pubblicato il decreto

Obbligo stabilimento: pubblicato il decreto

Il Decreto sancisce l'obbligo di indicare lo stabilimento di produzione o confezionamento dei prodotti alimentari in etichetta

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

11

Ottobre
2017

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 235 del 7 ottobre scorso 2017 il Decreto legislativo 145/2017 relativo alla "Disciplina dell'indicazione obbligatoria nell'etichetta della sede e dell'indirizzo dello stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento, ai sensi dell'articolo 5 della legge 12 agosto 2016, n. 170 - Legge di delegazione europea 2015".

La norma diventa obbligatoria dal prossimo 22 ottobre, ma fino al 20 aprile 2018 sarà possibile vendere ancora i prodotti già etichettati, come disposto dall'articolo 8.

L'articolo 3 "Obbligo di indicazione in etichetta della sede dello stabilimento  di produzione o, se diverso, di confezionamento" decreta al comma 1 che:

"i prodotti alimentari preimballati destinati al consumatore finale o alle collettività devono riportare sul preimballaggio o su un'etichetta ad esso apposta l'indicazione della sede dello stabilimento di produzione o, se diverso di confezionamento, fermo restando quanto disposto dagli articoli 9 e 10 del Regolamento UE n. 1169/2011" che fanno riferimento proprio all'elenco delle indicazioni obbligatorie o a quelle complementari per categorie o tipi specifici di alimenti.

Nel caso in cui i suddetti prodotti alimentari, cita il comma 2 dell'articolo 3, siano destinati alle collettività per la trasformazione o siano commercializzati in una fase precedente alla vendita al consumatore finale, possono riportare l'indicazione di cui al comma 1 sui documenti commerciali, purché tali documenti accompagnino l'alimento cui si riferiscono o siano stati inviati prima o contemporaneamente alla consegna.

All'articolo 5 sono riportate le sanzioni che, a seconda dei casi, variano dai 1.000 ai 15.000 mila euro.

Il 50% dei proventi derivanti dal pagamento delle sanzioni amministrative pecuniarie saranno destinati per il 35% al miglioramento delle attività di controllo e vigilanza del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e per il 15%  del Ministero della salute.

Il Decreto è disponible sul sito della Gazzetta ufficiale.


Condividi su: