Nuovi trend di mercato: spopolano gli ingredienti del benessere

Nuovi trend di mercato: spopolano gli ingredienti del benessere

Stando all'Osservatorio Immagino di Nielsen gli italiani scelgono sempre più per la loro alimentazione prodotti che contengono i cosiddetti superfood. Fra gli altri, zenzero superstar

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

17

Gennaio
2018

Semi di lino, mandorle, mirtilli, avocado, farina di mais e di farro, alga spirulina, canapa, olio di riso, stevia, cocco, cannella, zenzero e altro ancora: sono una ventina gli "alimenti-ingredienti benefici" che stanno avendo un grosso successo in Italia, ridefinendo le preferenze d'acquisto alimentari. Lo evidenzia la seconda edizione dell'Osservatorio Immagino, il nuovo approccio allo studio dei fenomeni di consumo creato da GS1 Italy e Nielsen, che ha dedicato un capitolo agli alimenti-ingredienti benefici del momento, analizzando le informazioni presenti sulle etichette di 46.600 prodotti alimentari (esclusi acque e bevande) in ipermercati e supermercati di tutta Italia nell'anno terminante a giugno 2017.

Tra gli ingredienti del benessere, la superstar è lo zenzero che in 12 mesi ha visto raddoppiare le vendite dei prodotti in cui è presente (+108,4%). In totale valgono 25 milioni di euro e rappresentano lo 0,2% degli alimenti del perimetro. Lo zenzero è diffuso sia al naturale sia come ingrediente salutistico di tanti prodotti confezionati: tè e tisane, tavolette di cioccolato e yogurt, succhi e nettari di frutta, ma anche insalate di IV gamma e zuppe pronte.

Bene anche le mandorle che compaiono nell'1,2% dei prodotti alimentari di largo consumo venduti in Italia. Sul podio anche i mirtilli, presenti nello 0,9% dei prodotti alimentari e con una crescita annua dell'80% delle vendite a valore, e il farro (che registra una crescita del fatturato del 20,4%, entrando nello 0,9% dei prodotti alimentari di largo consumo). Dall'analisi dell'Osservatorio Immagino spiccano anche le performance della quinoa, con una crescita annua a valore del 63,5%.


Condividi su: