Nuove misure in UK contro lo junk food

Nuove misure in UK contro lo junk food

Obiettivo da raggiungere entro il 2030: dimezzare il numero degli obesi under 18

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

26

Giugno
2018

Basta dolciumi e snack carichi di calorie in bella vista davanti alle casse dei supermercati del Regno Unito. Lo annuncia il governo britannico, delineando un divieto in piena regola al riguardo, nel quadro della campagna avviata nel 2017 contro il dilagare dell'obesità infantile e giovanile nel Paese.

L'obiettivo, ha spiegato alla BBC il ministro della Sanità, Jeremy Hunt, resta quello di dimezzare il numero di bambini obesi entro il 2030, in particolare in Inghilterra. Di qui un nuovo slot di misure per scoraggiare il consumo del junk food. Così il governo - rimarca Hunt - ha promesso di vietare completamente il cibo spazzatura, oltre a mettere fuori legge le offerte a prezzo ridotto in prossimità delle casse dei supermercati, delle entrate e dei corridoi. Inoltre si apportano modifiche agli standard alimentari scolastici con pasti a ridotto contenuto di zucchero ma ricchi di fibre.

Altre modifiche riguardano la pubblicità del cibo spazzatura in TV e online, l’imposizione, per caffetterie e ristoranti, di specificare il contenuto calorico dei pasti nei loro menu e il divieto alla vendita di bevande energetiche ad alto contenuto di zucchero e ad alto contenuto di caffeina ai minori di 18 anni.


Condividi su: