Nergi, il superfrutto che arriva dal Piemonte

Nergi, il superfrutto che arriva dal Piemonte

Sono concentrati nel saluzzese gli agricoltori che, su 100 ettari di terreno, coltivano il "piccolo kiwi". Poche calorie, tante vitamine e facilità di consumo il segreto di un successo annunciato?

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

28

Settembre
2017

Cominciano ad arrivare sulle tavole arance e mandarini ma anche il nergi, un extrafrutto o superfood coltivato principalmente in Piemonte, molto apprezzato per le sue proprietà nutritive. Sicaratterizza per essere un concentrato di energia, ricco di principi nutritivi e facile da consumare. Il suo terreno d'elezione è, in Italia, nel cuneese e più specificatamente nell'area del saluzzese, dove le coltivazioni di nergi sono una nuova attrattiva d'investimento per gli agricoltori.

L'extrafrutto può contare sulla competenza di una sessantina di "nergicoltori", che raccolgono i frutti a mano e operano secondo i principi dell'agricoltura sostenibile, per una produzione che attualmente si estende su circa 100 ettari, raddoppiata nell'ultimo anno. I motivi del successo del nergi sono da ricercare soprattutto nella sua carica energetica (il nome Nergi richiama proprio questo concetto) e vitaminica:

100 grammi contengono 52,5 mg di vitamina C, molto più dell'arancio (39,7 mg / 100gr), del litchi (42 mg / 100 gr) e addirittura del ribes (40 mg / 100 gr). Al suo interno troviamo però anche vitamina E (5.28 mg / 100 gr, o il 44% del RDA), fibra (3,6 mg / 100 gr) e minerali come magnesio (ben 19,4 mg ), calcio (45,9 mg / 100 gr) e fosforo (29,4 mg / 100 gr).

Il tutto a fronte di sole 52 Kcal per 100 gr, che insieme a semplicità di assunzione (si mangia con la buccia) e dimensioni mignon, lo rendono il prototipo perfetto di extrafood, ovvero lo spezzafame ideale in ogni momento della giornata.

Viene distribuito, oltre che in vaschette, anche in shaker che lo trasformano in uno street food salutare. Inoltre il nergi, grazie al suo sapore dolce e acidulo al tempo stesso, e al colore verde intenso dovuto all'alto contenuto di clorofilla, trova anche impiego in cucina all'interno delle portate. Per questo, in occasione della Fiera internazionale del Tartufo Bianco d'Alba, il 30 ottobre, le scuole di cucina si sfideranno sul tema Extrafood: Pera Madernassa e Nergi nell'alimentazione extradomestica.


Condividi su: