Nasce Rosautoctono, l'istituto per valorizzare il vino rosa italiano

Nasce Rosautoctono, l'istituto per valorizzare il vino rosa italiano

Raccoglie i Consorzi di tutela delle denominazioni più importanti della filiera e si impegna a promuoverla in modo unitario

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

26

Marzo
2019

I sei distretti produttivi più significativi del Nord, Centro e Sud Italia fanno rete per la promozione dei vini "rosa" della tradizione italiana.
Da notare che il termine rosè è caduto in disuso anche perché in Italia evocava, a torto, un vino con poca personalità. Rosautoctono, l'Istituto del Vino Rosa Autoctono Italiano, è una compagine, presentata al ministero delle Politiche agricole, che raccoglie i Consorzi di tutela delle denominazioni di origine più rappresentative del settore: Bardolino Chiaretto, Valtènesi Chiaretto, Cerasuolo d'Abruzzo, Castel del Monte Rosato e Bombino Nero, Salice Salentino Rosato e Cirò Rosato. L'obiettivo dichiarato è quello di dare una spinta decisiva, non solo dal punto di vista promozionale, ma anche economico e culturale, ai più significativi territori vocati alla produzione di questa tipologia di vino.

Si tratta di un'esperienza aggregativa che ora, dopo diverse azioni messe in campo nel corso dell'ultimo anno, imbocca la strada del riconoscimento istituzionale. Un progetto per diffondere la cultura del bere in versione rosa, che in Italia rappresenta oggi il 6% dei consumi, mentre ogni cento bottiglie vendute in Francia più di trenta sono di rosé.

Ad apporre a Roma la firma sull'atto costitutivo sono stati il neo presidente dell'istituto, Franco Cristoforetti (numero uno del Consorzio di tutela del Chiaretto e del Bardolino), i presidenti Alessandro Luzzago (Consorzio Valtènesi), Francesco Liantonio (Consorzio di Tutela Vini DOC Castel del Monte), Valentino Di Campli (Consorzio di Tutela Vini d'Abruzzo), Damiano Reale (Consorzio di Tutela vini DOC Salice Salentino) e Raffaele Librandi (Consorzio Vini Cirò e Melissa).

a cura di Valentina Oldani


Condividi su: